Quantcast

Granata (Fli): “Fuori i corrotti dalla politica”. Al via la raccolta firme

Si chiama "Fuori i corrotti dalla politica" la petizione proposta da Futuro e Libertà per "impedire ai condannati in primo grado di essere inseriti in lista". L’iniziativa è stata presentata questa mattina alla presenza degli onorevoli Fabio Granata ed Enzo Raisi

Più informazioni su

Fuori i corrotti dalla politica. Si chiama così la petizione proposta da Futuro e Libertà per “impedire ai condannati in primo grado di essere inseriti in lista”. L’iniziativa è stata presentata questa mattina alla presenza degli onorevoli Fabio Granata ed Enzo Raisi, rispettivamente vicecoordinatore nazionale e coordinatore regionale Fli.

“Non è solo una proposta è anche una regola che ci siamo dati noi – spiega Granata – Riteniamo che la politica oggi debba fare qualcosa di più e non inserire in lista chi è stato rinviato a giudizio o condannato in primo grado per reati di particolare allarme sociale come l’associazione a delinquere mafiosa, la turbativa d’asta, la corruzione e altri reati. E’ un segnale importante e chiederemo anche agli altri partiti di impegnarsi in questa direzione”. “Una seconda petizione – prosegue il vicecoordinatore nazionale Fli – è invece per trasformare l’interdizione dai pubblici uffici, che adesso è di soli 5 anni anche per alcuni reati gravi, in un provvedimento perpetuo”.

Parole ribadite anche da Enzo Raisi, che ha sottolineato come “Futuro e Libertà abbia sempre fatto della legalità il suo punto di forza”. “I candidati di Fli che verranno eletti – aggiunge il capolista di Piacenza Viva Alessandro Massa, presente all’incontro insieme al coordinatore provinciale Fabio Callegari, al candidato Marco Colismo, e all’ingegner Milani –  saranno le sentinelle della legalità in consiglio comunale. Non faremo sconti a nessuno”.

A margine della conferenza stampa Granata è tornato sulle parole di ieri di Grillo che durante un comizio a Palermo ha dichiarato che “la mafia non ha mai strangolato i suoi clienti limitandosi a prendere il pizzo”. “Trovo vergognoso e inaccettabile – dice Granata – quello che ha detto Grillo ieri a Palermo. Questo riferimento buonista alla mafia da un parte mi sembra strizzare l’occhio in piena campagna elettorale a certi ambienti e dall’altra mi fa porre l’interrogativo se la stessa frase l’avesse  detta Berlusconi o Dell’Utri cosa sarebbe successo”.

Da domani i rappresentati piacentini di Fli saranno in tutti i comuni della provincia per la raccolta firme della petizione “Fuori i corrotti dalla politica”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.