Quantcast

Imu, Paparo: “Agevolazioni per anziani e disabili in case di riposo”

l candidato sindaco Andrea Paparo annuncia la volontà, una volta divenuto sindaco, di sfruttare la possibilità offerta ai Comuni da un emendamento – che a breve sarà legge – che va nella direzione di offrire un aiuto concreto a fasce di cittadini che rischiavano di essere fortemente penalizzati dall’introduzione dell’Imu.

Più informazioni su

IMU, PAPARO ASSICURA AGEVOLAZIONI PER ANZIANI E DISABILI RICOVERATI NELLE CASE DI RIPOSO
«E’ SOLO IL PRIMO DI UNA SERIE DI INTERVENTI PER ALLEVIARE IL PESO DELL’IMPOSTA» – Comunicato stampa
 
«Gli anziani e i disabili che risiedono in istituti di ricovero o sanitari e i cittadini che risiedono all’estero avranno la possibilità, ai fini fiscali, di considerare la propria abitazione come prima casa, a patto che la stessa non risulti locata». Il candidato sindaco Andrea Paparo annuncia la volontà, una volta divenuto sindaco, di sfruttare la possibilità offerta ai Comuni da un emendamento – che a breve sarà legge – che va nella direzione di offrire un aiuto concreto a fasce di cittadini che rischiavano di essere fortemente penalizzati dall’introduzione dell’Imu. La nuova tassa sull’abitazione, infatti, avrebbe costretto gli anziani ricoverati (che devono per forza spostare la residenza nelle strutture dove alloggiano) e i cittadini residenti all’estero a conteggiare la casa di proprietà come seconda casa, il che avrebbe nei fatti portato a un’ingiusta stangata per i piacentini che rispondono a questi profili. Si tratta di una delle prime azioni concrete che il candidato sindaco è intenzionato a mettere in campo per alleviare il peso dell’Imu.
 
Come sottolinea Paparo, la volontà di recepire la possibilità offerta dall’emendamento porterebbe a una operazione dai costi del tutto sostenibili per il Comune, che, con uno sforzo economico contenuto – soprattutto se paragonato a quelli previsti per la realizzazione di un nuovo Palazzo degli uffici – darebbe un il primo di una serie si segni di equità e attenzione sociale nei confronti di categorie di categorie che, come gli anziani e di diversamente abili, meritano un particolare riguardo. 
 
Il candidato sostenuto dal Pdl e dalle liste civiche Sveglia e Piacenza viva pone anche l’accento sul duplice beneficio a cui, grazie a questo primo provvedimento a cui ne seguiranno altri volti a tutelare altre fasce di popolazione, andrebbero incontro gli anziani ricoverati in istituti di ricovero o sanitari e i cittadini residenti all’estro. «Infatti – chiarisce Paparo – queste fasce di popolazione oltre a non pagare l’Imu sulla base dell’aliquota maggiorata prevista per la seconda casa, avrebbero l’opportunità di beneficiare del bonus previsto per i soggetti che risiedono nell’immobile adibito ad abitazione principale, che si concretizza in una detrazione di 200 euro a cui si sommano 50 euro per ogni figlio a carico di età non superiore ai 26 anni, fino a un massimo di 400 euro». «Non ci piace promettere cose infattibili e non sostenibili e questa – conclude il candidato 38enne – è l’ennesima dimostrazione che quando non mancano la volontà e il buon senso basta poco per portare un aiuto concreto ai cittadini e, in questo caso, in particolare modo ad anziani e disabili».
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.