Quantcast

Pane e internet, partono i corsi in cinque comuni piacentini

Nel 2013 altri Comuni saranno coinvolti nel progetto mirato all’educazione verso le nuove tecnologie. L’iniziativa prevede la partecipazione di oltre 800 persone: tra questi anche ultraottantenni. Paparo: “La vera sfida di oggi è l’alfabetizzazione digitale”

Più informazioni su

A partire da metà maggio a Lugagnano, Bettola, Borgonovo, Monticelli e Podenzano partiranno i corsi di Pane e Internet, un’iniziativa di formazione e alfabetizzazione digitale promossa e finanziata dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con le Province di Bologna, Modena, Ferrara, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini. I corsi di Pane e Internet, presentati questa mattina in Provincia, sono rivolti a tutte quelle persone che per età o condizione sociale non hanno dimestichezza con le nuove tecnologie (anziani, casalinghe e immigrati) e in particolare con l’uso del computer e della rete internet.

 

Nei cinque comuni coinvolti nella prima fase del progetto le lezioni, completamente gratuite, si terranno all’istituto comprensivo di Lugagnano (Lugagnano), alla scuola secondaria di I grado di Bettola, all’Itc/Itis Volta di Borgonovo, alla scuola media di Monticelli e al centro di Formazione “Vittorio Tadini” di Podenzano. Altre edizioni sono in programma per il 2013 a Piacenza, Gossolengo, Rottofreno, Agazzano e Castelvetro. Intanto nel novembre scorso sono terminate i corsi a Fiorenzuola e a Castelsangiovanni. In totale sul territorio della provincia si svolgeranno 42 corsi di Pane e Internet (10 a Piacenza e 32 nei restanti comuni) con una previsione di circa 630 partecipanti. A questi vanno aggiunte le 182 persone che, nel 2010, hanno frequentato le lezioni organizzate a Bobbio, Castelsangiovanni, Fiorenzuola e Lugagnano.

“La vera sfida di oggi – ha esordito questa mattina l’assessore provinciale all’Innovazione tecnologica Andrea Paparo – riguarda l’alfabetizzazione digitale. Se è vero che le città si stanno muovendo sempre di più verso il modello “Smart City”, in cui le tecnologie attuali giocano un ruolo centrale per l’alleggerimento burocratico e per il risparmio di tempo nell’ambito dei servizi pubblici, risulta necessario promuovere sempre di più iniziative in grado di favorire l’accesso ai nuovi mezzi per il più alto numero possibile di persone”. “L’obiettivo – ha aggiunto Agostina Betta (direzione generale Organizzazione, personale, sistemi informativi e Telematica della Regione Emilia Romagna) – è sensibilizzare a livello locale le comunità sull’importanza dell’alfabetizzazione digitale”. “Abbiamo accolto il progetto con entusiasmo – hanno confermato il sindaco di Bettola Simone Mazza e il vicesindaco di Lugagnano Danila Pedretti – perché, soprattutto per i piccoli Comuni, iniziative come appunto Pane e Internet sono importanti per offrire un servizio efficace ai cittadini”.

Il corso sarà articolato in 10 lezioni di due ore ciascuna per un totale di 20 ore; sono previste due lezioni settimanali per una durata complessiva di circa cinque settimane. Per le iscrizioni è possibile chiamare il numero verde 800590595. Tra i partecipanti delle prime edizioni dell’iniziativa la maggioranza era composta da donne (il 60 per cento contro il 40 per cento di uomini) con una netta prevalenza di persone over 60 (il 62 per cento). Da segnalare la presenza di 30 allievi di oltre 70 anni e di ben 8 allievi con più di 80 anni. Tra vecchi e nuovi iscritti, nella provincia di Piacenza, saranno oltre 800 coloro che, entro il 2013, avranno partecipato all’iniziativa.

Alla presentazione di questa mattina hanno preso parte anche Roberta Solari della Provincia di Piacenza, Alberto Coloccioni (responsabile della comunicazione del progetto) e Giampaolo Mauriello responsabile dell’equipaggio del camper “Pane e Internet” in tour sul territorio per promuovere il progetto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.