Quantcast

Piace, con il Latina si deve vincere. Monaco: “Voglio la curva piena”

Ultimo assalto alla salvezza diretta domani per il Piacenza calcio. Alle 15 al Garilli arriva il Latina, compagno di sventura e di bassa classifica, per quello che si configura come un autentico spareggio

Più informazioni su

Ultimo assalto alla salvezza diretta domani per il Piacenza calcio. Alle 15 al Garilli arriva il Latina, compagno di sventura e di bassa classifica, per quello che si configura come un autentico spareggio: una vittoria e una contemporanea sconfitta della Triestina a Trapani significherebbe per i biancorossi la possibilità di giocarsi le ulteriori chance di salvezza nel recupero di Trieste previsto mercoledì 25 aprile. Non si nasconde l’importanza del match l’allenatore biancorosso Francesco Monaco: “E’ la partita più importante da quando sono a Piacenza, per noi è fondamentale vincere, altrimenti certi discorsi dovranno essere abbandonati. Voglio fare un appello ai tifosi e a tutti i piacentini: la squadra ha bisogno di aiuto, e considerato l’impegno profuso direi che se lo meriterebbe. Spero che domani la curva sia piena”.

Come sta la squadra dopo la sosta forzata? “Ho visto i ragazzi carichi, in settimana ha avuto come sempre tutte le risposte che cercavo. Sono contento di avere a disposizione Giovio, che è recuperato anche se non giocando da dieci giorni non è certo che parta negli undici iniziali. E’ comunque un’arma importante, come Lussardi che ho provato sulla fascia per avere un’alternativa a Volpe, che ha saltato un paio di sedute per un un guaio alla caviglia e che comunque è disponibile. Mancheranno purtroppo Giorgi e Gavilan”.

Il Latina sembra essere messo del Piace “In settimana sono stati allontanati giocatori importanti, come Jefferson, Maggiolini e Giannusa: non so se si tratti di una vera e propria epurazione, ma è comunque un segnale di nervosismo. Normalmente sono situazioni che portano a due possibili epiloghi, opposte: speriamo che nel caso dei laziali ci sia una reazione negativa. E’ una squadra cambiata molto rispetto alla gara di andata, allenatore compreso. Potremmo incontrarli nuovamente ai playout? Preferisco pensare solo a domani, se non si vince darò un’occhiata alla classifica”.

E’ un Piace che fatica sempre in casa, dove non vince da tempo: “In fase difensiva siamo migliorati, mi aspetto ora un salto di qualità anche nella fase offensiva, dove abbiamo pagato qualche infortunio e dove scontiamo i tipici difetti della giovane età”. Che tipo di partita dobbiamo aspettarci? “Il risultato è fondamentale per entrambi i contendenti, pertanto sarà una gara agonisticamente molto valida. Ma sono certo che possano uscire anche i valori tecnici, e da questo punto abbiamo qualcosa in più”.

Con Giovio e Volpe recuperati ma non al meglio le soluzioni in attacco sono diverse. In settimana Monaco ha insistito sul 4-2-3-1, per cui è probabile parta Bombagi, al posto di Gavilan, dietro a Rodriguez, con Lisi e Volpe esterni. In caso di necessità scontato il passaggio ad un modulo a due punte, con Giovio pronto a subentrare al fianco dell’attaccante uruguaiano; Foglia, Lussardi e il recuperato Avogadri le altre carte da giocare nella ripresa. In difesa rientra Ruggeri a sinistra, mentre al centro, fuori Giorgi, è Visconti il favorito a fare coppia con Bini.

La probabile formazione del Piacenza: IVANOV; MARCHI, BINI, VISCONTI, RUGGERI; PANI, PICCINNI; VOLPE, BOMBAGI, LISI; RODRIGUEZ. A disposizione: Stocchi, Bertoncini, Avogadri, Foglia, Dragoni, Lussardi, Giovio

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.