Quantcast

Piacenza celebra Nicolini, tanti appuntamenti nel week end

A 250 anni dalla nascita. Numerosi gli appuntamenti organizzati, da un’opera, "Le due gemelle", in prima esecuzione moderna, di un convegno, di una mostra, e di due concerti. Tante iniziative per far luce sulla personalità di un compositore ai suoi tempi alquanto stimato anche fuori dall’Italia

 

Più informazioni su

Nel prossimo week end, a partire da giovedì 26 aprile fino a domenica 29 aprile, Piacenza si appresta a celebrare uno dei suoi più illustri cittadini: il compositore Giuseppe Nicolini (1762-1842) del quale quest’anno ricorrono i 250 anni dalla nascita. Numerosi sono gli appuntamenti organizzati, unitamente al Comune di Piacenza – Assessorato alla cultura, dalle più importanti istituzioni culturali cittadine: la Fondazione Teatri, il Conservatorio Nicolini e la Biblioteca comunale Passerini-Landi. Parliamo di un’opera, Le due gemelle, in prima esecuzione moderna, di un convegno, di una mostra, e di due concerti. Tante iniziative per far luce sulla personalità di un compositore ai suoi tempi alquanto stimato anche fuori dall’Italia. Particolarmente coinvolti nelle manifestazioni saranno i giovani sia come pubblico, sia perché impegnati in prima persona nell’opera e nei concerti.

Sono infatti le scuole ad essere invitate giovedì 26 aprile in occasione dell’inaugurazione della mostra Giuseppe Nicolini (1762-1842) Testi e documenti alla Passerini Landi organizzata presso il Salone Monumentale dal Fondo Antico della Biblioteca comunale di via Carducci, Ideatrice e curatrice dell’allestimento è Elisabetta Rausa che dopo l’inaugurazione accompagnerà i presenti lungo una visita guidata dei materiali esposti.

“Il materiale per l’esposizione proviene da vari fondi della Passerini-Landi che, pur non essendo una biblioteca specializzata in campo musicale, ne dispone in una certa quantità – spiega Massimo Baucia Curatore del Fondo Antico della biblioteca -. Comprende libretti delle opere e i testi poetici da lui musicati (cantate d’occasione e qualche oratorio) che si trovano nella Raccolta di Libretti e fra le Miscellanee Landi, piuttosto ricchi di testi appartenenti a questa tipologia. In mostra inoltre, la partitura di Annibale in Bitinia, risalente al 1821, donata al Comune di Piacenza dagli eredi di Paolo Ranza nel gennaio del 1927. Alcune lettere dell’illustre concittadino – dirette ad impresari, ai suoi altolocati mecenati, a Rosmunda Pisaroni, sua amica di sempre – avvicinano a momenti salienti della biografia dell’artista. Non mancano documenti piuttosto significativi della ricezione delle opere del maestro”. In quei giorni il materiale inerente alla mostra -che si potrà visitare fino al 23 giugno – sarà messo on-line sul sito della biblioteca.

Saranno ancora una volta i giovani studenti, quindi, ad essere invitati alla prova generale dell’opera Le due gemelle, dramma giocoso in un atto che si terrà venerdì 27 aprile alle ore 10 presso il Teatro Municipale di Piacenza. (L’ingresso è gratuito). Lo spettacolo, che andrà in scena per il pubblico il 28 aprile alle 20.30, è frutto di una stretta collaborazione tra la Fondazione Teatri ed il Conservatorio Nicolini. L’opera sarà registrata e trascritta su cd edito da Bongiovanni.

Il Conservatorio sarà protagonista di un’altra prestigiosa iniziativa in ricordo del compositore piacentino, programmata per tutta la giornata del 28 aprile (dalle ore 9.00 alle 18.00): la Giornata di studi “Nicolini e dintorni” che si terrà al Ridotto del Teatro Municipale. “E’ il primo convegno dedicato a Nicolini, un’importanze operazione culturale ad ampio raggio per valorizzare un personaggio piacentino che ha avuto grande popolarità anche a livello internazionale – commenta la bibliotecaria del Conservatorio Patrizia Florio-. E’ dal primo centenario della morte che non si promuovono studi a lui dedicati e questa volta oltre a docenti interni si sono coinvolte altre importanti istituzioni con nomi prestigiosi tra cui Roland Pfeiffer che parlerà sull’opera più famosa di Nicolini Il Trajano in Dacia (1807) di cui esiste anche una traduzione in lingua tedesca. In queste giornate si vuole far conoscere il repertorio di musiche che la scuola custodisce e metterle a disposizione della città. Tanto è vero che per i due concerti programmati sia il 28 che il 29 aprile sono stati scelti dei pezzi i cui manoscritti sono custoditi per buona parte dalla nostra biblioteca”.

Passando ai concerti programmati per le celebrazioni il primo sarà una sorta di Intermezzo musicale che si terrà sabato alle 16.30 al Ridotto del Municipale durante il convegno. Gli interpreti saranno: Francesca Schirinzi, soprano e Guido Scano pianoforte che eseguiranno 6 Ariette per soprano e pianoforte, mentre il pianista Andrea Padova si cimenterà con la Sonata in la maggiore per pianoforte solo.

Gli stessi interpreti saranno protagonisti anche nell’altro concerto di domenica 29 aprile ore 10.30 al Salone del Conservatorio. Il programma comprende: Sonata in do maggiore, Sei Minuetti e Sonata in La maggiore, Sei Ariette per voce e pianoforte (Parma, biblioteca Palatina) Sei ariette per voce e pianoforte (Piacenza, Biblioteca del Conservatorio Giuseppe Nicolini).

L’evento è stato presentato questa mattina al teatro Municipale alla presenza dell’assessore comunale Paolo Dosi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.