Quagliaroli (5 Stelle): “Democrazia è partecipazione”

Intervento di Mirta Quagliaroli, candidata sindaco per il Movimento 5 stelle di Piacenza

Intervento di Mirta Quagliaroli, candidata sindaco per il Movimento 5 stelle di Piacenza

La democrazia partecipata è il risultato di un processo politico che ogni cittadino dovrebbe pretendere dai propri Amministratori. Con la partecipazione applicata alla democrazia ad ogni cittadino viene data la possibilità di intervenire direttamente nelle scelte politico-economiche che riguardano la comunità di cui è parte, la democrazia partecipata si concretizza mediante più progetti con un comune denominatore: giungere a un risultato condiviso.

Istituire un tavolo tematico è l’inizio di un processo decisionale partecipativo, quindi inclusivo, che può essere l’espressione di una volontà politica da parte di un’amministrazione pubblica, ma spesso invece viene reclamato a gran voce dalle associazioni e dai comitati spontanei presenti sul territorio, inoltre è prescritto dalla legge, l’Unione Europea infatti persegue questa direzione includendo in ogni programma europeo i processi partecipativi.
 
Molte volte si tratta di sperimentazioni che le istituzioni effettuano con il coinvolgimento delle parti interessate per capire in quali circostanze conviene attuarli, come individuare gli interlocutori, come ottenere uno scambio positivo tra i partecipanti e risolvere i conflitti, quale regia applicare, come passare dalle scelte agli atti amministrativi e quali risultati ci si può aspettare. Il Movimento 5 Stelle pensa che si possa perseguire in modo sistematico un metodo partecipativo attuando politiche innovative al fine di migliorare il metodo di Governo.
 
Nell’odierna realtà i problemi che le amministrazioni devono affrontare sono sempre più complessi, a fronte di risorse sempre più scarse, pertanto la capacità di elaborare scelte condivise si traduce in minori conflitti e ostacoli quando si arriva al momento di attuare le politiche pubbliche.  
 
Spesso le scelte pubbliche che implicano il coinvolgimento di più categorie sociali sono complesse eimpopolari pertanto l’Amministrazione si trova in difficoltà (lo ha dimostrato la necessità del Governo Tecnico per poter applicare decisioni impopolari), tanto che normalmente decide di non provare a percorrere la strada partecipativa perchè decidere in pochi è più semplice che confrontare la pluralità di opinioni: si risparmia tempo ed energia. Il risultato è il malcontento: i cittadini si vedono calare dall’alto decisioni che non capiscono, mentre l’amministrazione va incontro a delusionie fallimenti.
 
Per fortuna esempi di democrazia partecipata sono in corso da diversi anni in vari Paesi del Mondo e anche in Italia le esperienze sono numerose.
 
Per questo ci auspichiamo che la prossima Amministrazione Comunale Piacentina governi attraverso processi partecipativi che tengano conto non solo del risultato immediato delle scelte politiche, ma che vertano con lungimiranza al progetto di una Città che risponda ad esigenze future per lo sviluppo del territorio. Questo è ciò che la lista Movimento 5 Stelle Piacenza propone di applicare.
 
Il comune siamo tutti noi cittadini: è doveroso capire quello che accade e condividerne le scelte perchè all’eletto non venga consegnata una delega in bianco.
 
Mirta Quagliaroli
Candidato Sindaco – Movimento 5 Stelle Piacenza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.