Smart city, Profumo: “A giugno un bando per un nuovo progetto”. La Lega contesta foto

Unire tecnologie e sviluppo urbano; è questo l’obiettivo principale delle smart city, le città intelligente. Per parlare di questo tema venerdì 20 aprile si terrà nella Sala dei Teatini un convegno. Ospite d’eccezione l’attuale ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Francesco Profumo.

Più informazioni su

Unire tecnologie e sviluppo urbano; è questo l’obiettivo principale delle smart city, le città intelligente. Per parlare di questo tema, e in particolare di come le tecnologie possono essere applicate alla sostenibilità delle città medie, è in corso nella Sala dei Teatini il convegno organizzato da Fondazione per lo sviluppo sostenibile, Comune di Piacenza e Tecnoborgo. Ospite d’eccezione l’attuale ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Francesco Profumo (nelle foto al suo arrivo).

“A Piacenza c’è stato un ottimo lavoro di progettazione, costruito su basi solidi – ha spiegato il ministro Profumo – Grazie ad un bando che uscirà a fine giugno daremo alla città la possibilità di fare un progetto integrato”. Il ministro è poi intervenuto sul tema della scuola, in particolare sull’utilizzo della tecnologia nell’insegnamento: “La scuola deve adattarsi a questo nuovo imput. I nostri figli sono molto più bravi di noi nell’uso della tecnologia ed è giusto che la scuola parta da questo elemento”. 

Il ministro Profumo ha poi incontrato alcuni studenti del liceo scientifico Respighi, accompagnati dalla dirigente scolastica Licia Gardella. 

 LA LEGA NORD CONTESTA – “Profumo di tasse”. Uno striscione con la scritta bianca in campo verde sostenuta dal candidato sindaco, e deputato, Massimo Polledri e alcuni militanti. E’ l’immagine della protesta andata in scena questa mattina davanti alla Sala dei Teatini, dove si svolgeva un convegno sulle Città intelligenti, organizzato dal Comune, a cui ha partecipato il ministro dell’Istruzione, università e ricerca, Francesco Profumo

“La crisi si abbatte su commercianti e sulle famiglie, il Governo sta fermando la speranza della nostra gente. Noi protestiamo e lo facciamo dicendo che ci vuole una differenza tra i candidati che appoggiano le tasse e l’imu e quelli che si sono sempre battuti contro” ha dichiarato Polledri. Mentre il ministro veniva intervistato dalla stampa, la Lega ha esposto lo striscione dietro a Profumo e il furgone elettorale del Carroccio intonava lo slogan del candidato “Vai al massimo”.

Il progetto Smart City per Siemens 

Energia, mobilità ed edifici sono tre delle principali leve su cui intervenire per la sostenibilità di una città. E’ questa – in estrema sintesi – la ricetta di Siemens per lo sviluppo delle città intelligenti, presentata oggi al convegno di Piacenza sulla costruzione di un modello Smart City, organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dal Comune di Piacenza con il contributo di Tecnoborgo.
 
 “Guardando al primo elemento dell’equazione, l’energia, è indispensabile promuovere un sistema di distribuzione di nuova gestione e concezione”, spiega Enzo Calabrese, Head of Cities Account Management di Siemens Italia.  
 
Le smart grid giocheranno un ruolo chiave nelle città di domani perché le fonti rinnovabili di energia sollecitano sempre più le reti di distribuzione elettrica. Le reti intelligenti sono decentrate e la potenza da esse erogata alla rete è fortemente oscillante, per questo è una vera sfida realizzare una loro agevole integrazione. “Noi stiamo sviluppando applicazioni in grado di farlo. Ossia soluzioni di reti intelligenti che consentono migliori comunicazioni tra i generatori di energia elettrica e gli utenti. In questo modo si migliora la gestione delle risorse della rete di distribuzione, così da garantire una maggiore stabilità di rete e sicurezza di approvvigionamento” continua Calabrese.
“Sul fronte della mobilità, bisogna puntare su sistemi complessi di gestione del traffico in cui le informazioni possano essere scaricate dai passeggeri in tempo reale e da più fonti, fino ad arrivare ai sistemi di ricarica intelligente dei veicoli elettrici. Pensiamo infine al sistema automatizzato di gestione degli edifici. Potremmo risparmiare il 40% dei consumi energetici mondiali, se tutti gli edifici fossero equipaggiati con le tecnologie più avanzate in questo campo”.
 
Le soluzioni per le Smart Cities fanno parte del portfolio ambientale di Siemens. Nell’anno fiscale 2011, il fatturato derivante da tale Portfolio ha registrato un totale di circa 30 miliardi di Euro, attestando Siemens quale primo fornitore al mondo di tecnologie ecofriendly. Nello stesso periodo, i prodotti e soluzioni hanno permesso ai clienti di ridurre le proprie emissioni di gas serra di quasi 320 milioni di tonnellate, una cifra pari al totale delle emissioni di CO2 prodotte ogni anno da Berlino, Delhi, Hong Kong, Istanbul, Londra, New York, Singapore e Tokyo.

LA PRESENTAZIONE DEL CONVEGNO – “L’incontro di venerdì fa parte del percorso cominciato con l’Anci sul tema delle smart city nelle medie città – ha sottolineato l’assessore Pierangelo Carbone durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa – Città intelligente vuol dire usare le nuove tecnologie per migliorare alcuni aspetti fondanti della città: la mobilità, il benessere, l’ambiente, l’economia e lo sviluppo”. Il convegno di venerdì si dividerà in due parti. Nella prima si parlerà dei temi di fondo delle smart city, soffermandosi sugli aspetti dello sviluppo ambientale e della ricerca scientifica. Nella seconda parte invece si darà voce alle imprese e alla possibiltà di migliorare i loro servizi attraverso l’uso delle nuove tecnologie.

Il programma del convegno

9:00 Registrazione e coffee welcome

9:30 – 11:00 Verso un modello condiviso di città intelligente e sostenibile
Modera Andrea Barbabella, Responsabile energia della Fondazione per lo sviluppo sostenibile

Intervengono:

Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile. Presentazione della Ricerca “Il modello Smart City per la sostenibilità delle città medie: prima
applicazione al Comune di Piacenza”

Graziano Del Rio, Presidente dell’ANCI. “Le Smart cities per un progetto paese”

Donatella Sciuto, Prorettrice del Politecnico di Milano. “La ricerca in ambito smart cities: mobilità, energia e infrastutture”

Giovanna Busconi, Vice-dirigente scolastico del Liceo Statale L. Respighi. “Scuol@ 2.0: come cambia e il suo apporto alla città che diventa intelligente”

11:00 – 12:30 Tavola Rotonda: gli investimenti possibili delle imprese
Modera Sara Vigorita, giornalista dell’innovazione

Intervengono:

BTEnìa, ENEL, SELTA, SIEMENS, TECNOBORGO, TELECOM, UMPI, 4CHANGING.

Conclude Francesco Profumo, Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

È possibile esprimere una manifestazione di interesse all’evento scrivendo a: piacenza.smartcity@comune.piacenza.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.