Quantcast

Storia (con foto) di ordinaria inciviltà 

Riceviamo e pubblichiamo questa segnalazione da parte di un lettore. 

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo questa segnalazione da parte di un lettore. 

Non è la prima volta che mi capita, passeggiando per la città, di notare con irritazione quanto il menefreghismo di certi automobilisti li conduca ad occupare coi loro spesso ingombranti mezzi, spazi riservati a pedoni o ciclisti.  

Ebbene, ieri domenica 23 aprile, mi si è ripresentata dinnanzi agli occhi la stessa scena di sempre, ma questa volta in un un contesto tanto particolare da indurmi a scattare la foto allegata e scrivere questo trafiletto: Trattasi di un’area fino a pochi giorni fa oggetto di un intervento di riqualificazione, ancora da inaugurare, situata dinnanzi alla Chiesa di Santa Maria in Torricella. Non più di tre giorni fa si è finito di lastricare un marciapiede che, situato ad un lato dello spiazzo, era stato opportunamente ampliato. Oggi, anzi ieri, su quello stesso marciapiede ampliato parcheggia indisturbato un SUV.

Se questo è il punto a cui siamo arrivati, o ne prendiamo coscienza ora correndo ai ripari, o il radicamento di questa pessima abitudine diventerà inarrestabile. Eppure nella maggior parte dei casi basterebbe, spendendo due soldi in più, posare paletti dissuasori a bordo marciapiede e il problema non si porrebbe neppure.
Spero questo mio breve sfogo serva a smuovere di un poco le acque.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.