Quantcast

Alberi monumentali, inaugurata mostra a Fiorenzuola

E’ stata inaugurata dall’assessore all’Ambiente Sara Felloni, da Marina Tagliaferri, funzionario dell’ufficio Ambiente del Comune di Fiorenzuola, e dal fotografo fiorenzuolano Roberto Bertoni la mostra "Giganti protetti. Gli alberi monumentali in Emilia-Romagna", in esposizione per tre settimane al primo piano del Municipio di Fiorenzuola. 

Più informazioni su

E’ stata inaugurata dall’assessore all’Ambiente Sara Felloni, da Marina Tagliaferri, funzionario dell’ufficio Ambiente del Comune di Fiorenzuola, e dal fotografo fiorenzuolano Roberto Bertoni la mostra “Giganti protetti. Gli alberi monumentali in Emilia-Romagna”, in esposizione per tre settimane al primo piano del Municipio di Fiorenzuola. La mostra è l’esito del concorso fotografico omonimo organizzato agli inizi del 2002 dalla Regione Emilia-Romagna – Assessorato all’agricoltura, ambiente e sviluppo sostenibile e dall’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna  per promuovere e valorizzare il consistente patrimonio di alberi secolari presenti in regione, veri e propri “monumenti” che si evidenziano per il loro interesse naturalistico e culturale. La mostra presenta le 12 fotografie vincitrici (compresa quella di Roberto Bertoni, che si è aggiudicato il primo posto per le province di Parma e Piacenza) e una selezione di 60 immagini tra le oltre mille pervenute alla segreteria del concorso. Le foto hanno per soggetto alcuni tra i 600 alberi monumentali tutelati dalla Regione Emilia-Romagna sulla base della legge 2/1977 e di un censimento compiuto tra gli anni Ottanta e Novanta. 
“L’obiettivo della mostra – ha osservato l’assessore Felloni – è quello di raccontare, attraverso le immagini, gli alberi del nostro territorio. Ma la mostra vuole anche rappresentare un momento di riflessione sugli alberi sottoposti a tutela, autentico patrimonio della nostra regione. Le immagini sono davvero spettacolari e offrono ai visitatori gli spunti per conoscere questi “giganti”, apprezzarne fino in fondo il loro valore inteso come risorsa biologica, ambientale e culturale”. 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.