Ballottaggio, il centro storico si conferma più astensionista

Con il 54,39% di affluenza, il ballottaggio 2012 ha fatto segnare un importantissimo calo di votanti rispetto al primo turno e soprattutto confrontando il dato con cinque anni fa. Abbiamo provato a fare una "mappa dell’astensionismo", per capire in quali zone della città si è votato di meno.

Più informazioni su

Ancora una volta, così com’era già accaduto per il primo turno, il vero vincitore di queste elezioni è stato l’astensionismo. Con il 54,39% di affluenza, il ballottaggio 2012 ha fatto segnare un importantissimo calo di votanti rispetto al primo turno e soprattutto confrontando il dato con cinque anni fa. In termini assoluti sono andati a votare poco meno di 42mila piacentini (per la precisione 41979). Due settimane fa erano stati 50.492, quasi 8500 votanti in più: un calo percentuale dell’11%. Il calo è ancora più significativo rispetto a cinque anni fa, con una diminuzione di 18 punti.

Come avevamo già fatto per il primo turno, anche per il ballottaggio abbiamo provato a fare una “mappa dell’astensionismo”, per capire in quali zone della città si è votato di meno.

Ad una prima analisi dei dati sull’affluenza si può notare che le sezioni che avevano registrato un forte astensionismo nel primo turno sono le stesse che hanno fatto segnare percentuali basse anche in questa tornata elettorale. I seggi del centro storico sono stati ancora una volta quelli dove si è registrata l’affluenza più bassa. Alle scuole Mazzini, Taverna e Alberoni infatti solo in 9 seggi su 19 si è raggiunto il 50% dei votanti, con alcune sezioni che arrivano addirittura a sfiorare il 40%. Da segnalare l’affluenza al voto nei seggi 5 e 6 del Mazzini, dove rispettivamente sono andati a votare il 27 e il 34 percento dei piacentini aventi il diritto. Percentuali basse anche al Giordani, a Borghetto e alla Caduti sul Lavoro, dove accanto ad un seggio che ha fatto registrare il 62% di affluenza, abbiamo altre due sezioni che non raggiungono il 50% dei votanti.

Dati positivi invece arrivano, così com’era già accaduto per il primo turno, dai seggi di Sant’Antonio, della Pezzani, della Calvino e della Dante, dove la media dei votanti è intorno al 60%. La percentuale più alta è stata registrata al seggio 44 della scuola Calvino, dove è andato alle urne il 65,5% degli aventi il diritto. Una buona affluenza si è registrata anche a Mortizza e Pittolo.

Ecco nel dettaglio la percentuale di alcuni seggi significativi:

Mazzini sez. 5: 27,00%
Mazzini sez. 6: 34,78%
Taverna sez. 10: 46,77%
Alberoni sez 14: 40,12%
Giordani sez 25: 48,66%
Caduti sul Lavoro sez. 92: 42,68%

Sant’Antonio sez 35: 64,17%
Pezzani sez. 37: 64,62%
Calvino sez. 44: 65,52%
Carella sez 64: 60,57%
Caduti sul Lavoro sez. 94: 61,96%
Mortizza sez 100: 60,21%

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.