Quantcast

Dolcenera sabato 12 maggio al Fillmore

Dolcenera sabato 12 maggio in concerto al Fillmore di Cortemaggiore. 

Più informazioni su

Dolcenera sabato 12 maggio in concerto al Fillmore di Cortemaggiore. 

La canzone in gara al Festival di Sanremo è sempre tra i brani più suonati dalle radio italiane Il video è tra i più programmati dalle TV e sul web ha superato 1 milione di views.

 
DOLCENERA è indiscutibilmente la regina delle classifiche radio: in un anno infatti non ha mai lasciato le prime posizioni delle charts di airplay radiofonico con tutti i singoli estratti dal suo ultimo album “Evoluzione della specie” e dal repack “Evoluzione della specie2”.
 
Successo centrato prima con il singolo “Il Sole di domenica”, che ha segnato il suo ritorno, poi con “L’amore è un gioco”, secondo estratto e seconda sfida vinta, e ancora con il duetto “Read All about it (Tutto quello che devi sapere)” con il rapper inglese Professor Green.
 
A queste tripletta di successi si aggiunge ovviamente anche “Ci vediamo a casa”, il brano che Dolcenera ha portato in gara all’ultimo Festival di Sanremo riscuotendo un ottimo successo di pubblico.
 
Un palco, quello dell’Ariston, che sta portando molta fortuna a Dolcenera che, a poco più di un mese dalla fine della kermesse sanremese, vede la sua “Ci vediamo a casa” ancoratra i brani più suonati dalle radio raggiungendo anche un altro importante risultato: la certificazione di DIGITAL DOWNLOAD D’ORO(oltre 15.000 brani scaricati). A confermare questo successo anche il risultato del video che è ancora tra i più programmati dalle tv e tra i più visti sul web con oltre 1.200.000 visualizzazioni.
 
“Ci vediamo a casa” è uno dei 3 inediti contenuti nella riedizione dell’album “Evoluzione della specie2” (K6DN Records/Emi Music Italy) pubblicata in occasione del Festival di Sanremo. “Ci vediamo a casa” è anche la canzone dei titoli di coda dell’omonimo film, diretto da Maurizio Ponzi, in uscita a fine aprile.
 
Il film racconta le vicissitudini di tre giovani coppie (nel cast Ambra Angiolini, Giuliana De Sio, Nicolas Vaporidis, Primo Reggiani)che hanno in comune il problema della casa nel momento in cui decidono di costruire una vita insieme.
 
Riprende nel frattempo anche il tour di DOLCENERA che dopo la partecipazione a Sanremo si sposta dai Teatri ai Club per proseguire poi in tutta Italia durante l’estate.
 
Il “CI VEDIAMO IN TOUR” – 2012, organizzato da Live Nationin collaborazione esclusiva con RTL 102.5 (media partner dell’evento), ripartirà ad aprile e toccherà molte città italiane da nord a sud.
 
———————————————————
VERTIGINE VIOLA
 
Alternative rock-pop band, puntano sull’eterogeneità delle proprie tendenze musicali : dal cantautorato italiano al progressive-metal. L’ accostamento di gusti, personalità musicali, anime artistiche apparentemente dissonanti che si incontrano e si fondono in una nuova armonia … un rock tra il melodico e l’alternativo che offre nuove sperimentali sonorità, che attingono dalle molteplici sfaccettature dell’intero patrimonio musicale. Passione ed attenzione all’estetica del suono. Gruppo esplicitamente figlio di questi tempi frammentati dove il rintanarsi in un genere troppo definito non permette di esprimensi completamente. I Vertigine Viola vanno scoperti se si ha voglia ancora di credere in un Rock Italiano in grado di sfidare i Golia delle scene metropolitane.
 
———————————————————
MADDALENA CONNI
 
La musica a Piacenza non solo è cresciuta, ma è da tempo costante protagonista di eccellenti episodi che testimoniano di una maturità che nulla ha da invidiare a scene più titolate, mostrandosi oltretutto sempre più valida nel proporre una gamma di stili, influenze, sonorità, vastissima, di grande spessore e personalità.
Non ne è esente “Sto sempre in casa come Mina” (titolo geniale e intrigante) di Maddalena Conni.
Prodotto e registrato allo Studio Elfo di Tavernago, ci mostra una cantautrice dallo stile maturo, personale, subito ben riconoscibile, dove melodie apparentemente facili si mischiano ad un retro gusto agro dolce, dove è il pop a farla da padrone, ma in cui si insinua una vena indie rock, accenni country blues che furono cari a Michelle Shocked (“Il raffreddore”) , l’occhiata doo wop 50’s di “La sedia”, il reggae grunge sghembo e obliquo di “O-ooh” (forse l’episodio più riuscito), le atmosfere soul del singolo “Il telegiornale”, la riuscita ballata “Pezzo di mondo” che rimanda agli sguardi incantati delle Cocorosie.
I suoni sono essenziali, secchi, spesso minimali e rendono la visione musicale di Maddalena ancora più interessante e destinata a riservarci prospettive ben più ampie. (di: Tony Face Bacciocchi)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.