Quantcast

Dosi: “Nuovo ufficio di fotosegnalamento e unità cinofila per la municipale”

Le proposte del candidato sul tema sicurezza: dal Nuovo regolamento di polizia municipale e convivenza civile ad un nuovo patto per la sicurezza, passando per una mappa della sicurezza in città.

Più informazioni su

Comunicato stampa

“Penso ad una sicurezza ’smart’ attraverso l’implementazione delle nuove tecnologie, ad una tolleranza zero contro le inciviltà e ad una mappa della sicurezza in città che sarà sul mio tavolo ogni settimana, in cui verrà monitorata la percezione della sicurezza e annotati problemi e soluzioni adottate. Una mappa disponibile a tutti che guiderà gli interventi di prevenzione e controllo”. Il candidato sindaco del centrosinistra Paolo Dosi torna sul tema della sicurezza. Lo ha fatto ieri a margine dell’iniziativa sul pubblico passeggio nata su Facebook contro le condizioni disumane cui sono sottoposti i cani beagle all’interno del centro Green Hill, da cui escono migliaia di animali destinati alla vivisezione.

 

“Partiamo da un dato di polizia giudiziaria: oggi sono trenta le telecamere comunali che concorrono a comporre un sistema di videosorveglianza della città a disposizione delle forze dell’ordine” ha spiegato Dosi. Vicinanza ai cittadini: un concetto incarnato dai vigili urbani “interlocutori privilegiati dei piacentini per qualsiasi problema: viabilità, rapporti di vicinato, reati predatori, difficoltà intergenerazionale, inciviltà, degrado, insomma: sicurezza urbana”.

Confermati i “Security point”, appuntamenti fissi in luoghi specifici in cui i cittadini rappresentano problemi e suggerimenti operativi agli agenti di polizia municipale. “La rigorosa applicazione del nuovo Regolamento di Polizia urbana e convivenza civile in città consentirà di agire sulle più fastidiose inciviltà, come quella di bere per strada e abbandonare le bottiglie. Il tutto – sottolinea Dosi – nella massima sinergia operativa con le forze dell’ordine attraverso il potenziamento del protocollo d’intesa con la Prefettura. Concordo con Anci nel ritenere fondamentale mantenere l’attuale posizione che colloca il personale di Polizia locale nel comparto autonomie locali in una opportuna e separata sezione che ne riconosca la specificità e ne valorizzi la professionalità”.

Dosi ha anche accennato ai progetti futuri nell’ambito della sicurezza: “Un occhio vigile, ossia un progetto che prevede l’attivazione di alcuni presidi presso il quartiere Roma e il coinvolgimento della società civile, delle associazioni di quartiere, dei comitati di cittadini. Vi opererà un gruppo di agenti formati alla mission, dalla risoluzione dei conflitti, dell’intercultura. Nel progetto – ha aggiunto Dosi – è previsto un finanziamento regionale per l’acquisto dell’ufficio del fotosegnalamento, per il quale il Corpo della polizia municipale di Piacenza ha già ottenuto l’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno”. Anche la polizia municipale potrà, quindi, “fotosegnalare”. Ma tra le novità proposte da Dosi anche la “realizzazione dell’Unità cinofila”, che nelle intenzioni del candidato primo cittadino “verrà utilizzata per il controllo delle ampie aree verdi come l’argine del Po – al centro di un progetto di riqualificazione complessivo – e i parchi pubblici cittadini”.

“In futuro dovremo proseguire su due strade – ha concluso Dosi in tema di sicurezza – massimo rigore nelle procedure di appalto di lavori e servizi per impedire l’infiltrazione della criminalità organizzata, e soprattutto dovremo puntare sulla diffusione della cultura della legalità attraverso le scuole e le giovani generazioni. La Carta etica della città traccia i prossimi passi di un percorso che punta alla conoscenza e alla diffusione dell’amore per la legalità e la trasparenza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.