In un album 10 anni di lavori pubblici. Brambati: “Città più fruibile” foto

L’opera racchiude circa duecento foto a colori realizzate da Prospero Cravedi, Stefano Lunini, Carlo Pagani e Maurizio Spreafico, Anna Maria Belloni, Chiara Besozzi e Oreste Calatroni, che raccontano le infrastrutture realizzate dall’amministrazione comunale negli ultimi 10 anni

Più informazioni su

Dieci anni di lavori pubblici raccolti in libro. E’ l’album “Rivedi Piacenza”, presentato ufficialmente dall’assessore alle Opere pubbliche uscente Ignazio Brambati nella cornice della Cappella Ducale di Palazzo Farnese. L’opera racchiude circa duecento foto a colori realizzate da Prospero Cravedi, Stefano Lunini, Carlo Pagani e Maurizio Spreafico, Anna Maria Belloni, Chiara Besozzi e Oreste Calatroni, che raccontano le infrastrutture realizzate dall’amministrazione comunale negli ultimi 10 anni.

“Sono stati anni di profonde trasformazioni strutturali e culturali – ha detto Brambati presentando il libro – la città è cambiata, non so se è diventata più bella ma sicuramente è più fruibile”. “Abbiamo chiuso tutte le opere nei tempi e con i costi preventivati e, cosa importante, senza significativi infortuni sul lavoro: ogni anno abbiamo impiegato a tempo pieno 140 persone nei vari settori”. “Certo – ha ricordato l’assessore uscente- non tutto è stato facile e spesso ci siamo scontrati con forti resistenze; spesso i cambiamenti sono dolorosi e i benefici non sempre sono immediatamente percepibili”.

“Chiudo un percorso bello e difficile – ha concluso ringraziando tutti i collaboratori che lo hanno accompagnato in questi anni – condotto attraverso un forte gioco di squadra. Sono sereno e tranquillo, abbiamo lavorato nel segno di una Piacenza che sempre più deve diventare a misura di chi la vive ogni giorno”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.