Quantcast

Morpho, crollo nel finale a Barcellona. Venerdi’ gara 2 dei playoff

BARCELLONA-PIACENZA 95-61 Barcellona dilaga e vince di 34 punti la gara 1 dei playoff di Legadue basket

Più informazioni su

Barcellona si impone in Gara 1

Niente da fare. Inizia con un risultato negativo il cammino della Morpho Basket tin questi storici Playoff di LegaDue-Eurobet 2011-2012. In Gara1, infatti, la Sigma Barcellona porta a casa vittoria e sicurezze, grazie ad una prestazione con pochissime sbavature, tanta sostanza e soprattutto una volontà smisurata di sfruttare al massimo il fattore campo. La squadra di Corbani si è aggiudicata solo il secondo parziale, battezzato da tre triple consecutive (due di Voskuil, una di Casella) che avevano riaperto la partita e minato concretamente le certezze degli avversari. In quel quarto, i biancorossi erano riusciti anche a passare davanti alla Sigma (22-23), dando l’impressione di potersela giocare fino in fondo; era però solo un falso allarme perché proprio nel momento di maggior equilibrio, Barcellona ha alzato il rimo, la precisione ed è scappata nel risultato: il terzo parziale se lo è aggiudicata per 25-18, il quarto addirittura per 31-12.

E proprio i numeri possono aiutare i capire le ragioni di un gap cosi netto a fine match. Partendo dal dato più significativo, i rimbalzi, spiccano i 50 totali (17 offensivi, 33 difensivi) tirati giù da Da Ros e Co. rispetto ai 20 (1 off.-20 dif.) degli avversari. Un abisso che alla lunga ha pesato sull’economia della gara e, se a ciò si aggiunge il fatto che la formazione di Sacco ha tirato pure complessivamente meglio (54.8% da due contro il 47.4% di Pc, 37% da tre contro il 28.6% di Pc) si capisce il perché di una sconfitta che non dovrà lasciare strascichi (morali) in vista di Gara 2.
Per i padroni di casa, da applausi la performance di Lukauskis (22p, 5/10 da tre, 6 rimbalzi), ben supportato da un team che ha potuto contare su numerose bocche da fuoco: Hicks (15p, 4/6 da due), Bucci (10p), Dordei (18p, 5/6 da due, 7 rimbalzi, 25 val), Da Ros (9p), Martin (9p).
Nella metà campo biancorossa, invece, sono andati in doppia cifra C.C. Harrison (11p), il marcatissimo Alan Voskuil (13p, 3/6 da tre) e, nota più felice della serata, l’ala Richi Perego (10p, 5/6 da due).
Non hanno preso parte alla partita Simoncelli per Piacenza e il neo arrivato Curry per Barcellona.

Venerdì, ore 21, di nuovo al PalAlberti, la Morpho avrà immediatamente la possibilità di riportare in parità questo quarto di finale. I giochi sono ancora tutti da fare, non dimentichiamoci che siamo ai playoff … dove tutto è possibile!

A fine gara l’analisi a caldo è del General Manager Marco Sambugaro: “Nei primi due quarti abbiamo retto abbastanza bene, e direi che fino a metà del terzo non abbiamo demeritato, poi loro sono scappati via, grazie soprattutto a quanto sono riusciti a fare a rimbalzo, dove siamo stati nettamente surclassati. E’ stata una gara a fil di nervi, erano nervosi sia i giocatori che gli arbitri: anche loro si sono fatti trascinare dalla tensione della partita quando invece avrebbero dovuto rimanere più lucidi e capire certe situazioni. Dal canto nostro, noi dobbiamo essere più scaltri ed evitare di farci coinvolgere in questo modo. Stasera ci sono state buone risposte dai giovani, ma giocare senza Simoncelli e con Passera in via di recupero diventa difficile, abbiamo fatto molta fatica a gestire questa circostanza. Adesso bisogna toccare l’aspetto psicologico dei giocatori, Coach Corbani parlerà con la squadra insistendo sul fatto che si ripartirà sotto uno a zero, non dal meno trentaquattro di stasera. Niente è ancora deciso!”.

LA PARTITA:
Quintetto inedito per Piacenza con De Nicolao, Casella, Harrison, Anderson e Amoroso. Si sente la pressione, le squadre vanno al rallentatore (4-3), poi la scossa la dà C.C.Harrison (4-6), ma Barcellona vuole fare la partita e schizza a + 13, massimo vantaggio (21-8). Tocca a Luca Infante rompere il momento super dei padroni di casa, insieme a lui ci si mette anche Richi Perego (22-12) e proprio dell’ala biancorossa è l’ultimo canestro del parziale.

Al rientro in campo, Alan Voskuil spara e fa male: 22-18. Ma non c’è solo lui perché Andrea Casella decide di lasciare il segno firmando a sua volta una bomba dai 6.75 che vale il break di 9-0.
Implacabile Piacenza che, sempre con la sua stella Voskuil, riesce a portarsi davanti agli avversari (22-23): inizia la partita vera, con le due formazioni che vanno avanti a braccetto, almeno fino all’antisportivo alla Morpho che regala un vantaggio di tre punti a Green e Co. La tripla di Perego fa scattare in piedi tutta la panchina, sembra l’ultimo acuto della serata ed invece Lukauskis si prende le luci della ribalta con la bomba dai 6.75 che spedisce tutti negli spogliatoi (39-31).

La pausa rinvigorisce le squadre, Voskuil da un parte, Lukauskis dall’altra fanno il bello e il cattivo gioco (44-36), Piacenza si avvicina fino al -3 però Capitan Bucci rispedisce al mittente le ambizioni di parità (49-42). Un ispirato Infante trova un’altra tripla pesante (53-47), gran parte dei punti passano proprio dalla linea del tiro da tre, però Barcellona è abile ad inventarsi penetrazioni vincenti che fruttano punti e falli a carico degli avversari (59-49). I venti secondi finali sono tutti da dimenticare per la Morpho: Hicks prima e Da Ros poi siglano il break di 5-0 e i padroni di casa possono andare a giocarsi l’ultimo quarto sul punteggio di 64-49.

A Piacenza spetta tirarsi fuori dal fosso, Coach Corbani lo sa bene ed infatti chiama timeout dopo pochi minuti per provare ad arginare la furia giallorossa. I padroni di casa sembrano però avere completamente in mano il pallino del gioco (77-53), Lukauskis continua a martellare da ogni zona del parquet, abusando di una Morpho insicura che troppe volte cade in errore, specialmente sotto le plance (83-57). Nonostante ciò, l’azione più spettacolare del parziale è di targa biancorossa: passaggio dietro la schiena di Voskuil per Perego, il quale segna a pochi centimetri dai 6.75 (87-61). Nel finale di gara c’è spazio anche per l’espulsione di coach Corbani, mentre Barcellona rende sempre più impietoso il punteggio (95-61).
La Sigma si aggiudica Gara1: ai biancorossi l’onere di riaprire la serie già Venerdì sera!

SIGMA BARCELLONA – MORPHO BASKET PIACENZA: 95-61 (22-12, 17-19, 25-18, 31-12)

BARCELLONA: Rotundo 2, Lukauskis 22, Green 2, Hicks 15, Bucci 10, Mocavero 5, Dordei 18, Da Ros 9, Piazza 3, Martin 9, Bonessio. All. Sacco

PIACENZA: Casella 7, Infante 7, Harrison 11, Passera 2, Perego 10, De Nicolao 3, Voskuil 13, Anderson 6, Amoroso 2, Stecconi, Varrone n.e., Simoncelli n.e. All. Corbani

Ufficio Stampa MORPHO BASKET
Davide Rancati

LA CRONACA

Dura solo un tempo una Morpho rimaneggiata nella tana della Sigma Barcellona nella gara 1 dei playoff di Legadue di basket. Priva di Simoncelli e con Passera e Harrison non al meglio, Piacenza era riuscita a raddrizzare una prima volta la gara nel primo quarto, con un parziale di 0-15 firmato Voskuil e Perego, e a rimanere in scia fino almeno a metà partita. Nella seconda metà del match i siciliani si sono dimostrati superiori e hanno finito per dilagare in un finale diventato inutile, che ha visto banali errori dei biancorossi, come Amoroso e Voskuil, e l’espulsione di Corbani. Bene Perego e a tratti Infante, deludenti gli americani. Nell’altro quarto, Brindisi prevale nettamente su Ostuni nel derby pugliese (80-66). Venerdì sera, a sole 48 ore di distanza, la Morpho avrà la possibilità dell’immediato riscatto sempre in terra siciliana, mentre per gara 3 si giocherà finalmente a Piacenza, domenica 13 maggio. Servirà la Morpho migliore per allungare la serie.

SIGMA BARCELLONA-MORPHO PIACENZA 95-61 (22-12, 39-31, 64-49, 95-61)

PIACENZA: Casella 7, De Nicolao 3, Anderson 6, Perego 10, Infante 7, Passera 2, Harrison 11, Voskuil 13, Amoroso 2

AGGIORNAMENTO FINE QUARTO TEMPO – Si chiude dopo un ultimo quarto senza storia (solo 12 punti per la Morpho) gara 1 dei playoff di Legadue basket, Barcellona dilaga e vince di 34 punti

7 MIN – Tripla dei siciliani, partita ormai chiusa

5 MIN – Metà dell’ultimo quarto, Piacenza non è stata capace di invertire l’inerzia della partita e assiste all’aumentare del vantaggio dei siciliani: +22

FINE TERZO QUARTO – Un solo quarto da giocare, Barcellona è scattata avanti nella parte finale di un periodo equilibrato, e si è portata al massimo vantaggio: +15 (64-49). Situaziuone difficile ma recuperabile

5 MIN – Piacenza rimane in partita, a poca distanza da Barcellona: 46-40 a metà del terzo quarto

FINE SECONDO TEMPO – Intervallo lungo, Piacenza è sotto di 8 punti nella tana della Sigma per gara 1 dei playoff di Legadue

8 MIN – Dopo i break e contro break ora la gara si è fatta più equilibrata. Barcellona arriva all’intervallo lungo con un vantaggio di 8 punti

Un tecnico di Harrison favorisce il controsorpasso della Sigma, che ora conduce 32-27

5 MIN – Metà del secondo quarto, Piacenza ha operato il sorprendente sorpasso sulla Sigma Barcellona. Un parziale di 0-15 in cui i siciliani ci hanno capito poco. Devastante Voskuil, 8 punti in pochi minuti

2 MIN – Entra in partita Alan Voskuil, che con due bombe da 3 riavvicina la Morpho in pochi secondi, da -10 a -4

FINE PRIMO QUARTO – Un canestro di Perego spezza nel finale un lungo digiuno di Piacenza, e il primo quarto si chiude con Barcellona avanti di 10 punti (22-12). Primo tempo equilibrato nei primi 4 e negli ultimi 2 minuti, ma nella parte centrale i siciliani hanno operato un break decisivo

5 MIN – Metà del prmo quarto, Barcellona con un parziale di 6-0 ribalta il punteggio e passa a condurre 12-8

1 MIN – Si parte, sono di Piacenza i primi due punti, grazie al canestro di Anderson

Stasera, in diretta su Rai Sport 2 alle 20.45, inizia la sfida tra Piacenza e Barcellona Pozzo di Gotto. Una serie di partite al meglio delle cinque tra due squadre che quest’anno si sono già affrontate quattro volte. A inizio stagione Piacenza eliminò Barcellona dalla Coppa Italia, che però si è poi rifatta vincendo entrambe le partite di campionato. Bilancio ad oggi 3-1 per i siciliani, ma il bello dei playoff è che prima di Gara 1 si azzera tutto. I risultati del campionato sono serviti, arrivati alla post season, solo per assegnare il vantaggio campo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.