Quantcast

Morpho, ultima sfida con Verona. In attesa dei play off IL PUNTO

Inutile oggi fare previsioni su chi sarà l’avversaria del primo turno di playoff. Sicuramente sarà una tra Scafati, Brindisi, Pistoia o Barcellona. Con queste squadre, considerando solo il campionato

Più informazioni su

Grazie ai risultati degli altri campi, nonostante la sconfitta a Sant’Antimo, la Morpho alla fine ha raggiunto un risultato sorprendente per una neopromossa, partita con i piedi ben piantati a terra. A inizio campionato non sono mai stati ostentati obiettivi ambiziosi, al di là di una potenziale salvezza tranquilla. Si è pensato a costruire una squadra ben amalgamata, con qualche giocatore-certezza e qualche scommessa. Il gioco e le individualità sono cresciuti partita dopo partita e oggi Piacenza ha una formazione in grado di competere con chiunque, nonostante alcune squadre rimangano più attrezzate per reggere la lunghezza e lo stress del post-season.

Inutile oggi fare previsioni su chi sarà l’avversaria del primo turno di playoff. Sicuramente sarà una tra Scafati, Brindisi, Pistoia o Barcellona. Con queste squadre, considerando solo il campionato, Piacenza ha vinto solo la partita in casa con Scafati il 30 ottobre. Segnale non molto promettente. Ma i playoff sono un’altra storia. Tutto dipende principalmente dall’atteggiamento con cui si affrontano, e qui ho pochi dubbi in merito, la Morpho non scenderà in campo con la testa già proiettata alle vacanze. Dipende poi da se e come gli allenatori e i giocatori saranno in grado di prendere in mano le partite. Se saranno cioè capaci di rispondere alle mosse degli avversari col procedere della serie e, come sempre, da come si comporterà chi avrà in mano i palloni che scottano.

Il vantaggio della Morpho sulle avversarie in questi playoff sarà l’avere la testa libera da pressioni, il sapere che la sua città le chiede solo di vendere cara la pelle, di lottare su ogni pallone come ha fatto tutto l’anno. Niente di più. Se così sarà, i giocatori andranno, questa volta davvero, in vacanza tra gli applausi. Qualsiasi risultato arrivi dal campo.
Le serie sarà al meglio delle cinque, con la formula 2-2-1. Le prime due partite quindi Piacenza le giocherà fuori casa. Poi si tornerà al PalaBanca almeno per la terza partita. Almeno, perché ho l’impressione che gente come Voskuil, Harrison e Anderson ai playoff salga di colpi, soprattutto Dwayne. E’ abituato già dai tempi del college a questo tipo di sfide e sono convinto che in questa fase non si concederà le pause mentali che a volte è sembrato prendersi. Sono comunque tutti giocatori che quando si gioca “win or go home”, a casa ci tornano poco volentieri.
Sabato sera quindi per gli appassionati piacentini la partita che avrebbe potuto essere decisiva per l’accesso ai playoff, sarà invece una bella festa per il basket cittadino. Un’occasione per ringraziare una squadra che ha regalato bel gioco ed emozioni ad un pubblico che a questo livello di pallacanestro non c’era mai stato.

A Piacenza arriverà Verona, la squadra di Mario West (nella FOTO in difesa su LeBron James). Ex Atlanta Hawks e New Jersey Nets, vincitore quest’anno della gara delle schiacciate della LegaDue e nel 2007 di quella dell’NCAA, è un giocatore duro, completo e spettacolare. A comporre il roster della Tezenis con West ci saranno, tra gli altri, Antonio Porta (play della nazionale argentina bronzo a Pechino 2008), la guardia americana con passaporto irlandese Donnie McGrath, gli esperti lunghi Keith Waleskowski e Christian DiGiuliomaria ed il 2.10 Andrea Renzi, unico giocatore della LegaDue nella nazionale agli scorsi Europei.
PalaBanca, sabato ore 21.00, gli assenti non saranno giustificati.

Il Maestro

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.