Quantcast

Paparo, appello contro l’astensione: “Loro minoranza organizzata”

Andrea Paparo lancia un messaggio agli oltre 26mila piacentini che non sono andati a votare al primo turno, in primo luogo per chiarire un dubbio che attanaglia molti elettori

Più informazioni su

PAPARO, AL BALLOTTAGGIO POSSONO VOTARE TUTTI «LORO SONO UNA MINORANZA ORGANIZZATA, POSSIAMO VINCERE NOI»

Andrea Paparo lancia un messaggio agli oltre 26mila piacentini che non sono andati a votare al primo turno, in primo luogo per chiarire un dubbio che attanaglia molti elettori: chi non è andato a votare al primo turno può votare al ballottaggio. Ed è importante che lo faccia. «Abbiamo capito il segnale giunto dalla grossa fetta di astensionismo e lo comprendiamo. Ma occorre fare chiarezza, perché qui non ci sono in gioco i partiti, le ideologie e le storie che ci sono state raccontate in questi anni: qui ci sono in gioco due persone ed è tra queste che i piacentini dovranno scegliere il futuro sindaco». Il primo messaggio lanciato da Paparo, quindi, è un appello per la partecipazione. Un appello finalizzato a far comprendere che non è giusto confondere la politica romana con quella locale: «Io – dice Paparo rivolgendosi ai piacentini – sono qui con voi».

Ma non può mancare un’analisi politica dalla situazione locale. Il candidato invita infatti i piacentini a valutare le possibilità che si prospettano: «Quella di avere un sindaco che, come ho dimostrato in passato, pensa al futuro, oppure – precisa Paparo – quella di avere un primo cittadino costantemente proiettato nel passato».
«La verità – osserva Paparo – è che loro sono una minoranza organizzata». Proprio per questo, il candidato auspica una ampia partecipazione al voto, perché la maggioranza dei cittadini piacentini è composta da persone che sono stufe dell’autoreferenzialità, l’arroganza e la mancanza di visione di questa amministrazione, che in dieci anni non è riuscita a dare una vera vocazione alla città.

«Quando domenica e lunedì andrete a votare – conclude Paparo – non guardate i simboli, ma le persone: fin qui ho sempre dimostrato di saper e voler fare del confronto un metodo di lavoro. Un metodo che intendo portare avanti, nel segno della trasparenza, per essere il primo cittadino di tutti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.