Quantcast

Parapiglia in via Roma dopo il controllo, un arresto e due denunce

Episodio movimentato quello accaduto ieri pomeriggio in via Roma a Piacenza che ha tenuto impegnate per diversi minuti due volanti della polizia: alla fine, causa il suo comportamento decisamente sopra le righe sono scattate le manette per un 20enne ecuadoriano, finito nei guai insieme a due connazionali

Più informazioni su

Episodio movimentato quello accaduto ieri pomeriggio in via Roma a Piacenza che ha tenuto impegnate per diversi minuti due volanti della polizia: alla fine, causa il suo comportamento decisamente sopra le righe, sono scattate le manette per un 20enne ecuadoriano, finito nei guai insieme a due connazionali.

La polizia è intervenuta intorno alle 17 a seguito delle segnalazioni di alcuni residenti che lamentavano il comportamento di un gruppo composto da una decina di sudamericani. Urla, schiamazzi, circolazione delle auto intralciata. Gli stranieri, visibilmente ubriachi, non si sono calmati nemmeno all’arrivo delle volanti, anzi: con atteggiamento di sfida hanno cercato di ostacolare gli agenti impegnati nell’identificazione dei presenti. Il 20enne in particolare provava in più occasioni ad allontanarsi dicendo che non avrebbe fornito le proprie generalità. Portato all’interno della volante non senza fatica, il giovane ha iniziato a scalciare, sdraiandosi sul sedile posteriore e impedendo la chiusura della portiera. In suo supporto giungevano anche diversi connazionali che, circondata l’auto e spintonati gli agenti riuscivano in qualche modo a “liberare” l’amico che nuovamente provava ad allontanarsi.

Trovato nella vicina via Confalonieri nascosto sotto ad un’auto, veniva definitivamente bloccato e condotto in questura insieme a due connazionali di 25 e 21 anni. Per il 20enne, incensurato e regolare sul territorio nazionale, scattavano le manette con le accuse di resistenza, lesioni e danneggiamento aggravato. Sarà processato per direttissima. I due amici se la sono invece cavata con una denuncia a piede libero per violenza o minacce a pubblico ufficiale in concorso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.