Quantcast

Penale inceneritore di Parma, Dosi: “Ne parlerò con Pizzarotti”

La scelta del nuovo sindaco di Parma di dire no all’inceneritore potrebbe portare ad una penale di 180 milioni di euro che interesserebbe anche Piacenza e Reggio. "Per ora la scelta è stata formulata solo in via informale - ha commentato il sindaco Paolo Dosi - Prossimamente incontrerò Pizzarotti per parlarne".

Più informazioni su

La scelta del nuovo sindaco di Parma Federico Pizzarotti di dire no all’inceneritore potrebbe avere delle pesanti conseguenze anche sulle casse del Comune di Piacenza. La decisione del sindaco “grillino” potrebbe infatti portare ad una penale di 180 milioni di euro che interesserebbe anche Piacenza e Reggio, soci insieme al Comune di Parma di Iren, la multiutility incaricata di costruire l’inceneritore.

“Per ora la scelta del nuovo sindaco di Parma è stata formulata solo in via informale – ha commentato il sindaco Paolo Dosi – Negli scorsi giorni ho incontrato il primo cittadino di Reggio Emilia Delrio e prossimamente incontrerò anche Pizzarotti. In ogni caso per ora non c’è nulla di certo”. Quindi nulla ancora è stato deciso, ma la situazione in futuro rischia di complicarsi ulteriormente, visto anche il forte impatto che la prosposta di fermare l’inceneritore ha avuto durante la campagna elettorale. Intanto ieri il deputato leghista Massimo Polledri ha annunciato la volontà di fare chiarezza sull’argomento: “Presentero’ un esposto alla Corte dei Conti – ha dichirato Polledri all’Adnkronos – voglio vederci chiaro. Oltre a Parma, la penale finira’ per pesare sulle casse di Reggio Emilia e di Piacenza. Francamente, mi sembra il caso di rivolgersi alla Corte dei Conti senza perdere un minuto di piu’”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.