Quantcast

Polledri (Lega): “Non si chiuda la centrale operativa del 118”

E’ secco il no del candidato sindaco Massimo Polledri all’accorpamento delle centrali operative del 118: Piacenza perderebbe la propria a favore di Parma. Polledri ha incontrato due delle principali realtà associative piacentine

Più informazioni su

“Non si chiuda la centrale operativa del 118. Andrebbe perso un patrimonio di conoscenze immenso. Il lavoro di tanti volontari, ma anche l’assistenza ai piacentini ne risentirebbe, soprattutto nel settore emergenza-urgenza. Inoltre, c’è il rischio serio che sparisca una delle più belle realtà di questi ultimi anni: il Progetto vita, con la diffusione capillare dei defibrillatori”. E’ secco il no del candidato sindaco Massimo Polledri all’accorpamento delle centrali operative del 118: Piacenza perderebbe la propria a favore di Parma. Polledri ha incontrato due delle principali realtà associative piacentine nel campo della pubblica assistenza: la Croce Rossa, con Domenico Grassi, e l’Associazione delle pubbliche assistenze con il presidente Paolo Rebecchi.

“Ho scritto al presidente della Regione Errani – ha detto Polledri – chiedendo conto delle ragioni economiche che stanno dietro a questo progetto e di dare spiegazioni sull’accorpamento, sulle ricadute che il progetto avrà sul volontariato e sulla qualità dei servizi ai cittadini. Una richiesta avanzata in qualità di vice presidente della Commissione errori sanitari della Camera”. Grassi e Rebecchi hanno ricordato come la realtà del volontariato piacentino legato alle 14 pubbliche assistenze raccolga 2.200 persone che svolgono oltre 17mila servizi all’anno in tutta la provincia, che vanno dal trasferimento di ammalati, agli interventi per incidenti stradali, a quelli per malori.

 
Comincia domani la tre giorni di festa e di appuntamenti in vista della conclusione della campagna elettorale del candidato sindaco Massimo Polledri. Domani alle 16.30, all’Auditorium Sant’Ilario sono attesi Magdi Cristiano Allam e Rita Coruzzi. Il popolare giornalista, fondatore del movimento “Io amo l’Italia”, presenterà il libro scritto con Coruzzi (candidata indipendente nella lista della Lega) “Grazie alla vita”. Alle 20, invece, comincia la festa che si tiene in via IV Novembre, nella ex pista di pattinaggio del Palazzetto dello sport. Domani, serata popolare con Ivo Gilian, Avos e Luisa Giunta. Il 3 maggio, invece, si balla con la grande orchestra Bagutti, mentre venerdì 4 maggio, chiusura della campagna elettorale, si terrà dalle 19 un happy hour con DJ Bicio e i Freatlones. Nelle prime due serata è previsto un servizio cucina.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.