Quantcast

Raccontare la realtà attraverso la letteratura, incontri in Fondazione

Il relatore, Salvatore Mortilla, docente di lettere e storia dell'arte nella città di Piacenza, terrà un ciclo di lezioni, articolato in 4 incontri: il primo, di natura introduttiva, sarà dedicato ad una ricognizione generale sul rapporto tra realismo e letteratura nella produzione letteraria  novecentesca. 

Più informazioni su

Nuovo ciclo di incontri organizzato dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano di Piacenza. In riferimento al recente dibattito critico, si organizza un ciclo di incontri dedicato all’annoso e sempre attuale problema del difficile rapporto tra realismo e letteratura. E’ possibile tradurre in parole l’esperienza vissuta? Cosa si perde nel testo scritto? Cosa si guadagna? Ha ancora senso, a fronte degli agguerriti media odierni, demandare alla letteratura il compito di rappresentare il reale? Gli incontri cercheranno di dare risposta a queste domande, anche attraverso l’analisi di tre esempi significativi di romanzi realisti della produzione italiana contemporanea.
 
Il relatore, Salvatore Mortilla, docente di lettere e storia dell’arte nella città di Piacenza, terrà un ciclo di lezioni, articolato in 4 incontri: il primo, di natura introduttiva, sarà dedicato ad una ricognizione generale sul rapporto tra realismo e letteratura nella produzione letteraria  novecentesca. Le successive tre lezioni saranno di tipo monografico: ciascuna sarà dedicata ad un romanzo realista italiano del ‘900. L’analisi muoverà i suoi passi dal realismo degli anni ’30, per poi prendere in esame la stagione neorealista e concludere con un riferimento al così detto New Italian Realism degli anni 2000.
 
 
 
 
Il programma sarà così articolato:
 
Giovedì 10 Maggio, ore 17.30
Realtà distorte ovvero tradurre l’esperienza in scrittura
 
Giovedì 17 Maggio, ore 17.30
Alberto Moravia, Gli Indifferenti, 1929
 
Giovedì 24 Maggio, ore 17.30
Vasco Pratolini, Cronache di poveri amanti, 1947
 
 
Giovedì 31 Maggio, ore 17.30
Niccolò Ammaniti, Come dio comanda, 2006
 
 
 
 
per info: 
http://www.lafondazione.com/
 
 
NOTA BIOGRAFICA
Salvatore Mortilla è nato a Piacenza il 23 maggio 1982. Dopo aver frequentato il Liceo
classico Gioia della sua città, si iscrive alla Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di
Milano, dove frequenta il corso di Letteratura e critica nell’Italia contemporanea. Nel 2008 si
Laurea con lode, discutendo una tesi su I Vicerè di De Roberto. Insegnante di lettere e arte
nella scuola superiore e guida turistica professionista in Piacenza e provincia, Mortilla
tiene dal 2000 lezioni pubbliche presso gallerie d’arte ed enti come UNITRE, AUSER,
Samarcanda, FAI, Fondazione di Piacenza e Vigevano, occupandosi di volta in volta
dell’ambito artistico e di quello letterario. I suoi interessi si concentrano eminentemente
sugli aspetti estetici della contemporaneità.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.