Quantcast

Spada assoluti, buone prestazioni ad Ancona per i giovani del Pettorelli

Nello splendido impianto sportivo del Palaindoor di Ancona si è disputata la Coppa Italia Nazionale che ha visto scendere in pedana ben 371 agguerriti spadisti a contendersi gli ultimi sedici posti disponibili per i Campionati Italiani Assoluti

Più informazioni su

Nello splendido impianto sportivo del Palaindoor di Ancona si è disputata la Coppa Italia Nazionale che ha visto scendere in pedana ben 371 agguerriti spadisti a contendersi gli ultimi sedici posti disponibili per i Campionati Italiani Assoluti. Erano presenti anche otto atleti dell’A.S.D. Circolo della Scherma G. Pettorelli (www.schermapiacenza.it), il numero più alto di partecipanti mai registrato per la gloriosa società piacentina, che si erano in precedenza guadagnati la qualificazione attraverso le selezioni regionali o le due prove open nazionali.

Dopo la fase eliminatoria a gironi, hanno ceduto le armi l’under 20 Stefano Pallavicini, che non si è espresso ai suoi livelli abituali, e il sempre combattivo master Giuseppe Monticelli, che avrebbe meritato qualcosa in più. L’ottimo Stefano Vogna, dopo un girone eccellente, nel quale aveva totalizzato cinque vittorie, è stato inaspettatamente sconfitto nel primo incontro del tabellone d’eliminazione diretta. Stessa sorte per Francesco Fuochi, classe 1997 ed ancora al primo anno della categoria cadetti, che ha conquistato tre belle vittorie nel girone iniziale e si è comunque difeso più che bene al cospetto di avversari più anziani ed esperti di lui, dando segnali di costante miglioramento.

Alberto Abbate, Sergio Caferri, l’under 23 Andrea Ferrari ed il promettente under 17 Andrea Polidoro, invece, hanno superato senza troppe difficoltà il girone eliminatorio – con tre o quattro vittorie – ed hanno poi vinto i due successivi incontri, fermandosi tutti nell’assalto per entrare fra i migliori trentadue della gara. Se per Polidoro il bilancio è comunque da considerare molto positivo, visti i suoi soli sedici anni di età, i più navigati Abbate, Caferri e Ferrari, per il loro più elevato livello agonistico, avevano tutte le carte in regola per ambire ad un piazzamento nei primi sedici ed alla conseguente qualificazione agli Assoluti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.