Quantcast

Swa.go Bus, motori accesi per il divertimento in sicurezza

Accendono i motori i mezzi di “Swa.go” bus, il nuovo servizio gratuito di trasporto notturno rivolto ai giovani per raggiungere i locali da ballo della provincia e i punti di ritrovo in città. Sconto di un euro sul biglietto dei locali serviti, Villa Comoedia e Sonnambula

Più informazioni su

Accendono i motori i mezzi di “Swa.go” bus, il nuovo servizio gratuito di trasporto notturno rivolto ai giovani per raggiungere i locali da ballo della provincia e i punti di ritrovo in città. Sabato 2 giugno al via il progetto, attivo tutti i sabati fino al 28 luglio. In questi giorni le azioni di Provincia e Tempi Agenzia (anime dell’iniziativa insieme a Fondazione di Piacenza e Vigevano, Anpas e scuola Cassinari, che ha coniato il nome e il logo) sono rivolte a garantire la più ampia diffusione delle informazioni sul servizio. Ultima novità: chi viaggerà a bordo dei pullman del servizio notturno avrà diritto a uno sconto di un euro sul biglietto di ingresso dei locali serviti, Villa Comoedia (Montale) e Sonnambula (comune di Rivergaro).

Lo hanno annunciato in conferenza stampa l’assessore provinciale Massimiliano Dosi e Paolo Ripamonti di Tempi Agenzia, spiegando anche che sui pullman a più alta affluenza di studenti in questi giorni campeggiano “banner” informativi sul servizio e all’interno sono stati collocati appositi “pendolini”, schede in cartone con tutti i dettagli di “Swa.go” bus. Volantini sono stati distribuiti all’Informagiovani di Piacenza, nelle scuole, negli spazi di aggregazione giovanile. Ovviamente è possibile trovarli anche alle biglietterie del trasporto pubblico. Schede con orari e logo del progetto sono anche presenti sulle principali fermate di sosta lungo il percorso del servizio. Banner virtuali sono stati inseriti nelle home page dei siti di Provincia, Tempi Agenzia e di alcuni comuni. 

“I primi due sabati serviranno a monitorare il servizio e ‘oliare’ gli ingranaggi – ha detto l’ingegner Ripamonti –. Abbiamo studiato orari e percorsi con massimo scrupolo per ‘incastrare’ al meglio le coincidenze”. L’assessore Dosi è tornato a sottolineare che il servizio rappresenta una risposta concreta sui temi della sicurezza e ha ringraziato tutti i soggetti che hanno collaborato all’iniziativa.  

I tre percorsi, nel dettaglio. Linea A: Fiorenzuola, Cadeo, Pontenure, Piacenza, Gossolengo, Rivergaro e ritorno. Nel bacino di utenza dei 10 chilometri sono compresi i comuni di Alseno, Caorso, Cortemaggiore e Besenzone.

Linea B: Castellarquato, Carpaneto, San Giorgio, Piacenza, Gossolengo, Rivergaro e ritorno. Nel bacino di utenza dei 10 chilometri sono compresi i comuni di Lugagnano, Vernasca e Podenzano. Linea C: Borgonovo, Castelsangiovanni, Sarmato, Rottofreno, Piacenza e ritorno. Nel bacino di utenza di 10 chilometri sono compresi i comuni di Ziano, Gragnano, Calendasco e Pianello. Il servizio prevede una zona di interscambio a Piacenza nella quale, ad ora definita, si incontrano tutti i mezzi; i tempi di percorrenza massima saranno in media  di un’ora.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.