Quantcast

Workshop internazionale di teatro d’ombra, a Piacenza 17 studenti da tutto il mondo foto

Teatro Gioco Vita ospita, in questi giorni, il primo laboratorio internazionale dedicato al teatro d’ombre. Un’iniziativa che ha richiamato a Piacenza 17 tra attori, tecnici teatrali, scenografi, registi, marionettisti, provenienti da 9 paesi di tutto il mondo. 

Più informazioni su

Teatro Gioco Vita ospita, in questi giorni, il primo laboratorio internazionale dedicato al teatro d’ombre. Un’iniziativa che ha richiamato a Piacenza 17 tra attori, tecnici teatrali, scenografi, registi, marionettisti, provenienti da 9 paesi di tutto il mondo. Il corso è iniziato stamattina, con la rappresentazione di una delle produzioni più amate di Teatro Gioco Vita, “Ranocchio”. 
I partecipanti al masterclass frequenteranno poi incontri di approfondimento nella Officina delle Ombre, con particolare attenzione alla sagoma, elemento cardine di questo tipo di teatro (insieme alla luce e all’ombra prodotta, ovviamente), destinati a concludersi il 2 giugno. 

“Da sempre una parte del nostro lavoro è dedicato alla formazione – spiega Fabrizio Montecchi, curatore del corso insieme a Nicoletta Garioni e a Federica Ferrari – e abbiamo deciso di organizzare un workshop di livello internazionale qui, a casa nostra, perché in questo momento il teatro di figura, di marionetta, in Italia è in crisi. Una crisi non solo di mezzi, ma artistica, ed è interessante accogliere qui esperienze tanto diverse, che provengono da tante parti del mondo: c’è chi arriva dal Brasile, dal Canada e dal Giappone, e non necessariamente sono operatori teatrali: tra i partecipanti al corso figurano anche un architetto e un curatore di allestimenti e scenografie in ambito commerciale”. 

“Sono molto contento di questa iniziativa – osserva Diego Maj, direttore artistico di Teatro Gioco Vita – perché rappresenta un’opportunità per tutta la città e per il suo pubblico”. “Teatro Gioco Vita è una realtà artistica conosciuta in tutto il mondo, e nel mio paese, in Brasile, esistono poche compagnie che si occupano di teatro d’ombra – spiega uno dei partecipanti al corso, Ronaldo Nobles – così come in Europa. Ho quindi deciso di non lasciar perdere questa occasione”. “Ho avuto occasione di assistere a uno spettacolo di Teatro Gioco Vita in America e ne sono stato rapito – dice Miguel Romero -. La stessa sensazione l’ho provata oggi, assistendo allo spettacolo Ranocchio. Sono tornato un bambino di 5 anni”. 

Il workshop avrà un momento “pubblico”: venerdì primo giugno alle 18, nell’Officina delle Ombre, alle 18 saranno presentati gli “studi d’ombra” dei corsisti. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.