Quantcast

Atletica Piacenza: grandi risultati a Milano foto

Le allieve dell'atletica Piacenza in forma "nazionale" fanno strage di vittorie e primati personali che permettono di guadagnare uno strepitoso settimo posto nella finale A, finale che assegnava lo scudetto a squadra per la categoria allievi/e, che si è tenuta questo fine settimana a Milano nella suggestiva Arena Gianni Brera, impianto di origine napoleonica che ha visto nel corso della storia tanti record mandiali e nazionali.

Più informazioni su

Le allieve dell’atletica Piacenza in forma “nazionale” fanno strage di vittorie e primati personali che permettono di guadagnare uno strepitoso settimo posto nella finale A, finale che assegnava lo scudetto a squadra per la categoria allievi/e, che si è tenuta questo fine settimana a Milano nella suggestiva Arena Gianni Brera, impianto di origine napoleonica che ha visto nel corso della storia tanti record mandiali e nazionali.
La squadra, composta dalle ragazze del 1995 e 1996 e guidata dal direttore tecnico Giuliano Fornasari e dai tecnici Baldini Giovanni, Buttò Ennio, Mozzi Marco, Racchini Marco, Borlenghi Andrea e Fabrizio Dallavalle, è cresciuta molto, passando da una 27esima posizione dell’anno scorso fino ad un’incredibile settima posizione, superando squadre forti e accreditate nel week-end milanese che ha visto la conquista dello scudetto tricolore da parte della Cassa Risparmio di Rieti.
Ogni ragazza ha dato il meglio, tutte hanno portato a casa grandi soddisfazioni e punti preziosi per il punteggio complessivo, ma soprattutto hanno conquistato tante medaglie e addirittura quattro vittorie personali.
Camilla Papa in grandissima forma porta a casa un tris di medaglie d’oro, opera che non è riuscita a nessun’altra atleta nel corso della manifestazione: sabato corre i 100 metri a ostacoli in 14.61 secondi, vincendo sulle avversarie e sul vento contrario e la domenica affronta la sua seconda fatica, i 400 metri ad ostacoli, con grande coraggio, vincendo in 1.03.94 e lasciando la seconda classificata a 1 secondo. Inoltre l’ostacolista piacentina ha contribuito alla vittoria , insieme alle altre allieve Costanza Adamo, Michela Gaino, e Robin Sara Stauder, della staffetta 4×100 che, grazie al tempo di 48.48 secondi, diventa nuovo primato personale per atletica Piacenza, nuovo primato provinciale.
La velocista Robin Sara Stauder, nonostante un affaticamento muscolare, ha letteralmente aggredito la pista correndo i 100 metri in 12.58 secondi, battendo il muro di vento contrario (-3.9), e ha “volato” nell’ultima frazione della staffetta veloce, portando il quartetto alla vittoria e a soli quattro centesimi dal minimo per i campionati italiani assoluti.
Le due atlete, al primo anno di categoria, fanno ben sperare per un futuro “azzurro” per l’anno prossimo, anno in cui si svolgeranno i campionati mondiali under 18.
Oltre alle meritatissime vittorie la squadra ha portato a casa innumerevoli primati personali:
la saltatrice Serena Magistrali fa grandi passi avanti, migliorandosi sia nel salto triplo, con un balzo lungo 10.98 che vale sia il primato personale che il nono posto, sia nel salto in lungo, nel quale tira fuori la grinta e vola a 5.30 metri che vale il quinto posto e minimo per i prossimi campionati italiani di ottobre. Primati personali e due quinti posti anche nel salto in alto e nel salto con l’asta ad opera delle atlete Giulia Tirelli che, saltando 1.60, ribadisce il minimo per gli italiani individuali, e Sara Manstretta che salta 2.50 metri, migliorandosi di dieci centimetri sebbene il lungo periodo di stop dovuto a una brutta distorsione alla caviglia. Sara Manstretta è capace anche di coprire la gara del lancio del martello con un lancio di 17.77 che porta importanti punti alla squadra.
Tornando alla velocità troviamo ancora primati personali: Anna Bertoncini si migliora ancora sul giro di pista concludendo quinta in 59.66 secondi; l’atleta avrebbe dovuto correre anche i 200 metri e la staffetta 4×400 ma, a causa di una brutta distorsione, deve rinunciare. Ma l’Atletica Piacenza sfodera la sua “arma segreta”: Elena Manari, dopo quasi due anni di stop per un problema fisico, corre i 200 metri, chiudendo la sua fatica in 27.26 secondi, ma da il suo meglio nella staffetta 4×400, assieme a Deborah Molinari, Eleonora Berretta e Costanza Adamo, correndo l’ultima frazione in un ottimo parziale di 1.00.20 secondi e trascinando il quartetto in decima posizione con il tempo di 4.17.23 secondi.
Dalla velocità al mezzofondo l’Atletica Piacenza non molla un colpo: Eleonora Berretta corre i 1500 metri in 5.18.16 secondi, non lontano dal suo personale, e gli 800 metri in 2.28.21 secondi, tempo che le consente la decima posizione.
Il sole e il caldo non abbattono le nostre fondiste Alice Saltarelli, triatleta, che solo per oggi si concentra soltanto sulla corsa, correndo i 3000 metri in un ottimo 11.22.13 secondi, a soli due secondi dal minimo per gli italiani individuali, tempo che le vale l’ottava posizione, e Sara Marchesi alle prese con i 2000 siepi: purtroppo deve fare i conti con l’emozione ma porta a termine la sua fatica per il bene della squadra in 9.49.89 secondi.
Ultimi, ma non per importanza, i lanci: il giavellotto è stato lanciato a 25,54 metri da Yulissa Betti Medina, atleta che da ragazza aveva saltato la brillante misura di 1.48 metri. Virginia Braghieri, punto di forza della squadra piacentina, si migliora nuovamente nel getto del peso scagliandolo a 13,55 metri, lancio che la porta ai piedi del podio, e scaglia il disco a 33,49 metri.
L’Atletica Piacenza ha davvero stupito tutti: i sacrifici e il lavoro degli atleti e degli allenatori è stato ripagato. Ma l’atletica non si ferma mai, e le atlete tornano a Piacenza, cariche, e pronte per preparare i prossimi campionati italiani individuali che si terranno il prossimo ottobre a Firenze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.