Quantcast

Bergonzi (Pd): “Cittadinanza onoraria al Dalai Lama” LA PROPOSTA

"Se Milano si tira indietro lo faccia Piacenza". L’intervento del capogruppo Pd in Provincia.

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento del capogruppo Pd in Provincia Marco Bergonzi, dopo la decisione del sindaco di Milano Giuliano Pisapia di sospendere l’attribuzione della cittadinanza onoraria al Dalai Lama, per le pressioni ricevute dalla Cina. 

Triste e’ ogni scelta non libera, ma peggio ancora e’ ogni scelta che accantona ideali e passioni, ed ogni volta che non si sceglie cio’ che sarebbe giusto scegliere e’ un errore, un errore che prima o poi si rimpiangera’ amaramente di aver commesso.  Per questo ritengo un grandissimo sbaglio la retromarcia di Milano rispetto alla decisione già presa, di concedere la cittadinanza onoraria al Dalai Lama”, a seguito delle minacce della Cina di boicottare l’Expo 2015; anche per cio’ che simboleggia in controluce, “anteponi ciò che ti conviene a ciò che invece sai essere giusto”. E’ mai possibile cedere ad ricatto di chi ignora i diritti umani in Tibet, anteporre una minaccia di boicottaggio economico, rispetto ad affermare il valore della difesa dei diritti umani, tributando un giusto riconoscimento a chi incarna e rappresenta questi valori fondamentali ed imprescindibili?

Ma che razza di messaggio diamo ai più giovani, in cosa dovrebbero credere ed aver fiducia? Milano si rimangia la concessione della cittadinanza onoraria al Dalai Lama? Bene, Piacenza non indugi, la conceda immediatamente, e se dovessimo perdere qualche turista cinese, guadagneremo l’ apprezzamento di tutta la parte migliore del mondo, ma soprattutto avremo la solida ed appagante certezza di aver fatto la cosa giusta.
 
 Marco Bergonzi
 Capogruppo PD in Consiglio Provinciale

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.