Foti (Pdl): “Iren svalutata del 74% in 12 mesi, Torino paghi il dovuto”

Il consigliere comunale Pdl Tommaso Foti ha presentato un'interrogazione dedicata a Iren, la multiutility che vede una partecipazione del Comune di Piacenza. Secondo quanto riporta il Sole 24, il Comune di Torino (altro socio) ha un debito di circa 250 milioni di euro nei confronti di Iren.

Più informazioni su

Il consigliere comunale Pdl Tommaso Foti ha presentato un’interrogazione dedicata a Iren, la multiutility che vede una partecipazione del Comune di Piacenza. Secondo quanto riporta il Sole 24, il Comune di Torino (altro socio) ha un debito di circa 250 milioni di euro nei confronti di Iren. Posizione debitoria che ha causato una “svalutazione” della società, che ha di fatto perso, secondo Foti, il 74% del suo valore in 12 mesi. Il consigliere Pdl chiede quindi alla Giunta se gli altri soci di Iren intendano sollecitare l’amministrazione guidata da Piero Fassino (Pd) affinché sin proceda al saldo del dovuto. 

Per sapere, premesso che:

 
nell’articolo “Iren attacca il debito con le cartolarizzazioni e la cessione di asset” –  pubblicato su Il sole 24 ore di Domenica 3 Giugno 2012, a pagina 23 – si legge:
“…Nel primo trimestre 2012 la società, da un lato, ha aumentato i ricavi (+35.4%), ma, dall’altro, ha visto diminuire la profittabilità. L’Ebitda è sceso del 2% (al netto di effetti straordinari) mentre l’utile netto è calato a 55 milioni”;
“…Al 31 marzo scorso l’indebitamento netto era di 2,893 miliardi, in crescita rispetto ai 2,653 miliardi di fine 2011. Un incremento di fronte al quale gli esperti hanno storto il naso. E che, più in generale, soprattutto nell’attuale crisi finanziaria, contribuisce non poco a schiacciare le quotazioni del titolo in borsa”;
“…Secondo quanto risulta a Il Sole 24 Ore, Iren dovrebbe, entro l’anno, avviare la cartolarizzazione dei prestiti. Già i prestiti. Gli analisti, su questo fronte, puntano il dito su una particolare questione. Quale? E’ presto detto: il Comune di Torino ha 250 milioni di debiti (di cui 240 di bollette scadute) accumulati proprio nei confronti di Iren”;
quali siano le valutazioni del Sindaco in merito alla gestione della società, atteso anche che il titolo Iren, negli ultimi 12 mesi, ha perso il 74% del valore (alla chiusura dell’1 Giugno 2012);
se non ritenga in particolare di dovere sollecitare i competenti organi della società affinché, con l’urgenza che il caso conclama, si attivino nei confronti del Comune di Torino per l’immediato azzeramento della posizione debitoria che lo stesso ha nei confronti di Iren.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.