Quantcast

Liceo Gioia, nella vecchia palestra nascerà un caffè letterario foto

Grazie ad una collaborazione con la Vittorino da Feltre che permetterà agli studenti del liceo di utilizzare la palestra della società, il piccolo spazio all’interno dell’istituto ad oggi adibito a palestra verrà trasformato in un caffè letterario.

Più informazioni su

Un caffè letterario all’interno del Gioia. Grazie ad una collaborazione con la Vittorino da Feltre che permetterà agli studenti del liceo di utilizzare la palestra della società, il piccolo spazio all’interno dell’istituto ad oggi adibito a palestra verrà trasformato in un caffè letterario. L’idea è stata lanciata questa mattina al liceo Gioia durante la conferenza stampa di presentazione dell’accordo tra Provincia, istituto e società Vittorino da Feltre in risposta al problema degli spazi-palestra.

A partire da settembre per l’ora di educazione fisica gli studenti del Gioia potranno infatti utilizzare oltre alle palestre delle scuole Mazzini e X Giugno anche gli impianti sportivi della Vittorino. Una soluzione attesa da tempo vista la perenne necessità da parte del Gioia di trovare nuovi spazi per l’attività sportiva. “E’ la soluzione migliore in attesa che si sblocchino nuove possibilità” commenta la dirigente scolastica Gianna Arvedi. Parole condivise anche dal presidente della Provincia Massimo Trespidi che ha sottolineato come “sia noi che la scuola pensavamo ad un esito diverso della trattativa con le autorità militari per la concessione degli spazi per la nuova palestra. Purtroppo questo non è avvenuto e allora insieme abbiamo pensato a questo accordo con la Vittorino”. “La soluzione – prosegue Trespidi – permetterà anche di liberare la piccola palestra dell’istituto che verrà trasformata in un caffè letterario fruibile da tutta la città”.

Presente alla conferenza stampa anche il presidente della Vittorino da Feltre Sandro Fabbri. “Con i soci – dice Fabbri –  abbiamo capito che durante la mattina era possibile cedere la nostra palestra agli studenti del Gioia”. In alcune occasioni oltre alla palestra i ragazzi potranno utilizzare anche gli altri impianti sportivi della società, come i campi da calcio e da tennis.

Tra le iniziative presentate questa mattina anche “Una scuola a colori”: durante l’estate 22 classi del Gioia saranno dipinte dagli stessi studenti, che potranno dare sfogo a tutta la loro fantasia. Questi saranno anche gli ultimi progetti promossi da Gianna Arvedi, visto che la dirigente scolastica lascerà il suo incarico a fine agosto. “Colgo l’occasione – dice Trespidi – per ringraziare la preside per il servizio svolto alla scuola e alla città in questi anni alla guida del liceo”. Presenti questa mattina al Gioia anche Luciano Rondanini, responsabile dell’Ufficio scolastico provinciale, e la funzionaria Anna Barani.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.