Quantcast

Nuovo Piace, il tifo storico sceglie il progetto Libertas foto

I sostenitori si riconoscono nella proposta avanzata dai fratelli Marco e Stefano Gatti della Libertaspes, che ieri ha depositato la richiesta per cambiare denominazione in "Lupa Piacenza" 

Marchio o non marchio, titolo o non titolo, l’importante è che la gente si riconosca in un progetto e in una squadra da seguire, senza dividersi. E’ questo l’auspicio dei circa duecento tifosi biancorossi riuniti questa sera nel piazzale dello stadio Garilli, un luogo simbolico. Sul tavolo c’èra l’immediato futuro del Piacenza Calcio dopo il fallimento, ed in particolare quattro soluzioni diverse: la proposta avanzata dai fratelli Marco e Stefano Gatti della Libertaspes (campionato di Eccellenza), la novità rappresentata dalla disponibilità di Tacchini e del titolo dell’Atletico BP Pro Piacenza (serie D), la rinascita dalla terza categoria e l’ipotesi di fermarsi per un anno in attesa di una proposta più convincente e solida dal punto di vista imprenditoriale.

Dopo un acceso dibattito una larga maggioranza dei presenti, ultras e tifosi di altri settori dello stadio, si è espressa a favore del progetto proposto dai fratelli Gatti, reduci dal passaggio formale del cambio di denominazione della propria società in Lupa Piacenza. “Abbiamo scelto l’unico progetto concreto che c’è sul tavolo, per il bene del Piace. Ora ci auguriamo che tutta la gente presente stasera ed in generale tutti i tifosi continuino a sostenere i colori biancorossi” ha commentato Cece Reboli, uno dei leader della curva, che ha aggiunto: “L’Associazione salva Piace ci sembra una manovra oscura, dettata da logiche politiche e poco condivise, e quindi non ci convince”.

Ora la palla passa al Salva Piace che, formalizzata l’acquisizione del marchio dopo l’offerta presentata nel corso della terza asta fallimentare, dovrà esprimersi sul futuro del marchio stesso.

Leggi Il comunicato dei tifosi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.