Quantcast

Prostituzione, due nuovi arresti per la tratta delle nigeriane foto

Facevano arrivare ragazze dalla Nigeria per poi tenerle segregate e obbligarle a prostituirsi versando loro quanto guadagnato sulla strada. Un’organizzazione stroncata un anno fa dalla squadra mobile con 8 persone arrestate. Per due di loro sono state emesse nuove ordinanze di custodia. Pesanti i reati: riduzione in schiavitù e tratta di persone

Facevano arrivare ragazze dalla Nigeria per poi tenerle segregate e obbligarle a prostituirsi versando loro quanto guadagnato sulla strada. Una vera e propria organizzazione, dedita alla tratta, riduzione in schiavitù e favoreggiamento all’immigrazione clandestina di donne reclutate in Nigeria, stroncata un anno fa dalla grazie all’operazione denominata “Trolley”, condotta dalla squadra mobile di Piacenza e coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Bologna. Otto le persone che erano finite in manette al termine delle indagini: nei confronti di due di loro, entrambe nigeriane di 31 e 44 anni, sono state emesse nuove ordinanze di custodia cautelare. Erano loro secondo gli inquirenti ad occuparsi della “gestione” delle ragazze, sei o sette in tutto, tenute in un’abitazione in città; le giovani venivano obbligate a prostituirsi sotto la minaccia di ritorsioni ai familiari e riti voodoo, con tanto di galline sgozzate. Pesanti le nuove accuse nei loro confronti, dopo che il Tribunale Distrettuale della Libertà di Bologna ha accolto il ricorso presentato dal pubblico ministero titolare delle indagini: la 44enne dovrà ora rispondere di riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione, la connazionale di riduzione in schiavitù e tratta di persone.

Tutto era partito nel marzo 2010, dopo che una giovane nigeriana, scappata dai suoi aguzzini, era stata aggredita e rapinata nei pressi della stazione di Crema. Agli inquirenti aveva raccontato la sua storia, tristemente simile a quella di altre connazionali: sbarcata a Lampedusa proveniente dalla Libia, aveva ottenuto un permesso di soggiorno per motivi umanitari ed era stata portata a Piacenza e obbligata a prostituirsi nella zona della Caorsana e lungo la strada per Cortemaggiore per pagare il debito contratto con i suoi sfruttatori, una cifra che andava dai 50 ai 70mila euro.

La ragazza veniva malmenata e in un’occasione era stata sfregiata dalla “madame”, la nigeriana 30enne destinataria della nuova ordinanza di custodia. Nei guai erano finiti anche una terza nigeriana di 41 anni, un piacentino 73enne proprietario dell’appartamento, posto sotto sequestro, in cui le giovani erano “ospitate”, e due tassisti che, quando la “madame” si era spostata nella zona di Ascoli, si sarebbero occupati di accompagnare lei e altre ragazze sulla strada per poi riportarle nelle loro abitazioni in cambio di denaro. Altre due persone, un uomo di 50 anni ed una 25enne nata in Nigeria ma con cittadinanza italiana, risultano al momento latitanti.

Per i sei imputati nei giorni scorsi si è aperto il processo in Corte d’Assise: i giudici hanno accolto un’eccezione preliminare degli avvocati difensori e inviato l’udienza al prossimo 5 novembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.