Quantcast

Rdb in amministrazione straordinaria. De Micheli: “Salvare la filiera”

Per l’azienda è stato richiesto il regime di amministrazione straordinaria, una procedura di gestione vigilata direttamente dal Ministero dello Sviluppo che mira non a liquidare l’azienda

Più informazioni su

Epilogo per l’azienda Rdb, dopo la lunga crisi dei mesi passati e il mancato rilancio da parte della nuova proprietà Sacci. Per l’azienda è stato richiesto il regime di amministrazione straordinaria, una procedura di gestione vigilata direttamente dal Ministero dello Sviluppo che mira non a liquidare l’azienda, ma a recuperarne l’equilibrio economico e finanziario, alternativamente mediante un programma di prosecuzione dell’attività che preveda la cessione dei complessi produttivi o un programma di ristrutturazione economico-finanziaria dell’impresa. Il ministero in tempi rapidi designerà un commissario. Ottocento i lavoratori attualmente in cassa integrazione, circa duecento sono quelli degli stabilimenti piacentini.

Rdb, De Micheli (Pd): “Mobilitazione delle istituzioni e del mondo produttivo per salvare la filiera. Bersani aggiornato sulla situazione”

“Occorre una mobilitazione delle istituzioni e del mondo produttivo locale per interrompere la deriva dell’Rdb ed esperire un estremo tentativo per salvare un pezzo di filiera produttiva strategica per il nostro territorio”. La sollecitazione arriva dalla parlamentare piacentina del Partito Democratico Paola De Micheli, che sta seguendo da vicino l’evolversi della situazione insieme al segretario nazionale Pierluigi Bersani.

“Arrivati a questo punto occorrono interventi immediati – sostiene – che innanzitutto non lascino i lavoratori soli e possano offrire una risposta concreta e realistica di natura imprenditoriale, in grado di salvare il patrimonio aziendale e la parte sana della produzione. Quanto al primo aspetto, al Ministero del Lavoro è già stato convocato un apposito tavolo per la definizione degli ammortizzatori sociali; per quanto riguarda il secondo tema cruciale, è necessaria una mobilitazione con rinnovato spirito unitario delle istituzioni, del mondo produttivo e dei sindacati piacentini, per dare una prospettiva di un rilancio industriale vero. Non è infatti escluso che si creino condizioni di mercato propizie per alcune produzioni storiche di Rdb”.

“Dal parlamento in questi giorni decisivi – conclude – condurremo un’interlocuzione continua col Ministero e con il tessuto imprenditoriale e le istituzioni locali, perchè si compiano le scelte adeguate alla grave crisi che rischia di contagiare anche l’indotto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.