Quantcast

Regolamento Imu, nuove agevolazioni e critiche: al via la maratona del bilancio foto

Si passa all’approvazione del regolamento Imu. L’assessore al Bilancio Romersi: "Nuove agevolazioni per affitti a canone concordato, per figli disabili in età adulta e per onlus e comodato d’uso".            

Più informazioni su

Aggiornamento ore 18 e 31 – Interviene Andrea Gabbiani, del Movimento 5 Stelle. “Per noi l’Imu è figlio della cattiva programmazione politica, va a toccare nelle tasche dei cittadini prevedendo esezioni ad esempio, per le sedi di partito. Serve a fare cassa, ma come facciamo ad andare a modificare un’imposta senza avere una visione completa del bilancio?  Chiediamo di poter avere tutta la documentazione necessaria, in modo da poterlo esaminare e presentare di conseguenza mozioni e interrogazioni, per proporre riduzioni di spesa. Ci saremmo auspicato che l’Imu fosse portata allo 0,46% anziché 0,48%. Per sopperire a questa mancata riduzione, vogliamo chiedere che sia previsto il pagamento a scaglioni dell’Irpef. Esiste un avanzo di amministrazione, di cui non capiamo il perché. Vuol dire che i soldi pubblici non sono stati utilizzati come si dovrebbe”. 

Aggiornamento ore 18 – I
nterviene Foti. “I bilanci devono devono avere veridicità. Sembra essere su Scherzi a Parte: presenta il provvedimento e subito i correttivi della Giunta. L’unico che può presentare emendamenti, all’interno dell’esecutivo, è il sindaco, non un assessore”. “Questo bilancio poteva essere assolutamente approvato nei tempi previsti – dice Foti che accusa – quella dell’Imu è una patrimoniale nascosta, perché colpisce i patrimoni piccoli e quelli grandi”. 

Aggiornamento ore 17 e 10 – Si passa all’approvazione del regolamento Imu. Prende la parola Tommaso Foti (Pdl). “Questo e il previsionale sono atti che dovevano passare i commissione – dice Foti – ma così non è stato, visti i tempi ristretti. Ma i ricorso all’iter abbreviato doveva essere esplicitato negli atti, per poi sottoporlo al consiglio comunale. Se iniziamo così, con il primo atto importante del nuovo consiglio…”. “In conferenza dei capigruppo ne avevamo parlato – aggiunge Tassi – e per la validità del bilancio era stato detto che valeva la calendarizzazione dell’esercizio finanziario stesso. Chiedo conferma al segretario”. Risponde l’assessore al bilancio Pierangelo Romersi. “L’argomento in discussione rappresenta un punto importante: l’Imu cambierà forse per sempre le entrate comunali. Partendo dal 2008, l’allora Governo Prodi aveva ridotto l’Ici del 40 per cento sulla prima casa, poi tolto definitivamente dal Governo Berlusconi. Questa entrata ha sempre rappresentato una fetta importante delle entrate comunali. L’Imu prevede aliquote base 0,4% per le abitazioni principali e 0,76% per i terreni, con detrazioni per la prima casa e figli al di sotto dei 26 anni”. “Abbiamo scelto di limitare – dice Romersi – l’impatto dell’imposta sull’abitazione principale, gli anziani in strutture protette e le pertinenze agricole”. Viene poi presentato un emendamento di Giunta sul regolamento, frutto del confronto tra parti sociali e associazioni categoria: detrazione di 50 euro per figli disabili di età superiore ai 26 anni, una migliore aliquota per affitti a canone concordato (0,40%), una migliore aliquota per il comodato gratuito (0,72%), agecolazione Onlus (0, 72%), agevolazione per ch affitta a lavoratori temporanei (0,40%), per i negozi sfitti (1,06%).

Ore 16 e 45 –
Dopo la composizione (in base ai gruppi consigliari) delle commissioni, il sindaco Dosi ripete le deleghe assegnate ai vari assessori. A Timpano va, come già anticipato, la delega alle partecipate. La delega alle Politiche giovanili passa da Tiziana Albasi a Paola Beltrani Interviene Tommaso Foti (Pdl). “Mi meraviglio della comunicazione del sindaco, che ha cambiato idea tre volte in una settimana. Deve prendere spunto da Battiato: cerco un centro di gravità permanente. Cambiano poi anche i nomi delle deleghe: ad esempio all’assessore Tarasconi la competenza “al centro storico” diventa “valorizzazione del centro storico”. Tutte modifiche che devono essere comunicate al consiglio”. Foti solleva poi anche il problema delle firme delle deleghe per il vice sindaco Cacciatore, che parte dall’8 giugno e non dal 5, come risulta dagli atti. La stessa cosa anche l’assessore Palladini: i due assessori, nominati con qualche giorno di ritardo rispetto agli altri, si erano infatti presentati al lavoro in Provincia. Marco Tassi (Pdl): “A Cacciatore spettano i lavori pubblici e la cura della città: meglio evitare sprechi e lavori inutili. Tipo palazzo uffici. A Bisotti va l’urbanistica, ecco a Piacenza ci sono 5mila abitazioni invendute. Meglio recuperare quello che c’è già. All’assessore Palladini pongo il problema delle case popolari da ristrutturare, le liste d’attesa lunghe per gli asili nido, cercare di ridurre le rette delle case protette. Romersi invece non deve dire ai cittadini di segnalare gli sprechi, ma dovrebbe ridurre i contributi per l’aggiornamento software e altri sprechi di denaro pubblico. A Dosi, che detiene la delega alla polizia Municipale chiedo se verranno accolte le istanze (straordinari) avanzate dal personale”. 

Ore 16 e 30 – La cittadinanza negata a Milano al Dalai Lama è invece al centro dell’intervento di Andrea Tagliaferri (Pd). Stefano Raggi (Idv parla invece dei timori avanzati dal personale dei nidi di Piacenza circa la decisione del sindaco di separare le deleghe tra i servizi per l’infanzia e e i servizi sociali, assegnati a due assessori distinti. Raggi poi chiede che a settembre sia indetto un consiglio straordinario per discutere di Iren, convocando anche il cda della società, vista la difficile situazione di bilancio in cui versa, e pone poi anche il problema delle nomine di Seta. Il sindaco Paolo Dosi risponde alle comunicazioni iniziali. “Sulla situazione del Tribunale interverremo per quanto di nostra competenza e cercheremo di reperire risorse per ovviare la situazione. Sul Piacenza Calcio stiamo ultimando in questi giorni un percorso che porterà alla soluzione migliore possibile. Per la Fondazione Toscanini, domani ci sarà il consiglio direttivo della Fondazione Teatri, e l’intenzione è di proseguire”. per Le Novate, nei prossimi giorni Dosi incontrerà la direttrice. La separazione tra le deleghe per l’infanzia e i servizi sociali, va nel senso di valorizzare la prima come servizio alla famiglia. “Non è un retrocedere rispetto al percorso avviato, ma è un rafforzativo –  dice -. Per Seta, valuteremo i profili dei candidati”. 

Inizio ore 16 –
Apre le comunicazioni Marco tassi (Pdl), invitando il sindaco Dosi a prendere in considerazione le condizioni strutturali del Tribunale di Piacenza: l’assenza di condizionamento ha quasi fatto svenire un’avvocato e nell’archivio sono crollati degli scaffali. Tassi pone poi l’accento anche sul Piacenza Calcio. “Dobbiamo salvare la squadra e consentire l’avvio del campionato”. Prende poi la parola Tommaso Foti (Pdl) per chiedere di osservare un minuto di silenzio per il carabiniere morto oggi in Afghanistan. Stefano Perrucci (Pd) parla della Fondazione Teatri di Piacenza, e dell’imminente scadenza della convenzione attivata con la Fondazione Toscanini. Da rinnovare, per l’esponente Pd. Il consigliere Christian Fiazza (Pd) parla invece della situazione della carcere di Piacenza. “Con il nuovo padiglione arriveranno oltre 300 detenuti in più, e l’organico è insufficiente – dice il consigliere -. Le difficili condizioni hanno portato a 85 suicidi tra i detenuti, l’ultimo, il numero 86 è avvenuto poco tempo fa. Nelle prossime settimane verranno decise nuove assegnazioni, sul fronte della polizia penitenziaria, e Piacenza dovrebbe essere presa in considerazione”. Roberto Colla (Moderati) parla invece delle opportunità, per Piacenza, di diventare un polo attrattivo per i milanesi e contrastare il fenomeno del pendolarismo. 

Il sindaco di Piacenza Paolo Dosi ufficializzerà nel corso del consiglio comunale di oggi, 25 giugno l’affidamento della delega alle società partecipate, che in un primo tempo aveva tenuto per sè, a Francesco Timpano, già titolare dello sviluppo economico. La notizia era stata, di fatto, anticipata dallo stesso Dosi durante la riunione della Giunta con la Cna, tenutasi nei giorni scorsi. Questa comunicazione, insieme alla composizione delle quattro commissioni consiliari è uno dei punti all’ordine del giorno della seconda seduta del consiglio comunale della nuova amministrazione (dalle 16). La prima di tre convocazioni (le altre sono in calendario il 28 giugno e il 2 luglio) dedicata all’Imu e alla manovra di bilancio, da approvare entro il 30 agosto.

Ecco l’ordine del giorno del consiglio comunale

25 GIUGNO 2012 (lunedì)
Orario di apertura: ore 16.00
Orario di chiusura: ore 20.00

28 GIUGNO 2012 (giovedì)
Orario di apertura: ore 16.00
Orario di chiusura: ad esaurimento

02 LUGLIO 2012 (lunedì)
Orario di apertura: ore 16.00
Orario di chiusura: ad esaurimento

ORDINE DEL GIORNO

1) COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI: 1) ORGANIZZAZIONE ISTITUZIONALE E SVILUPPO CIVILE, 2) ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO, 3) SERVIZI SOCIALI, 4) SVILUPPO ECONOMICO. INDIVIDUAZIONE DELLE SPECIFICHE COMPETENZE, DETERMINAZIONE NUMERO COMPONENTI DI OGNI COMMISSIONE E ATTRIBUZIONE VOTI A CIASCUN CONSIGLIERE (ARTT. 15 E 18 DEL REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE E DELLE COMMISSIONI CONSILIARI).

2) COMUNICAZIONE DEL SINDACO RELATIVA ALLE MODIFICHE DELLE DELEGHE NELLA COMPOSIZIONE DELLA GIUNTA (ART 51 DELLO STATUTO).

3) APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL’IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E DELLE RELATIVE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L’ANNO 2012.

4) APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE PER L’ESERCIZIO FINANZIARIO 2012, DEL BILANCIO PLURIENNALE 2012/2014, DELLA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2012/2014- APPROVAZIONE, AI SENSI DEGLI ARTICOLI 42, 165, 170, 171 E 200 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 267 DEL 18.08.2000, DI PIANI FINANZIARI, DI PROGRAMMI, DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2012/2014 E DELL’ELENCO ANNUALE 2012 DELLE OPERE PUBBLICHE, ACQUISTI, ALIENAZIONI E PERMUTE DI IMMOBILI, APPALTI, INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER EROGAZIONE DI UTILITA’ ECONOMICHE.
CONFERMA, AI SENSI DELL’ART. 82 DEL D.LGS. N. 267/2000, DELLE INDENNITA’ DI FUNZIONE E DEI GETTONI DI PRESENZA DA CORRISPONDERE AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO COMUNALE. -IMMEDIATA ESEGUIBILITA’-

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.