Quantcast

Welcome To The Jingle Festival: bella musica a polmoni aperti

Torna a Piacenza il micro festival dedicato alla musica bella a polmoni aperti!
Dopo le prime due storiche edizioni e la scorsa versione targata 2.0. questo giro si suona con il pallone da calcio fra i denti.

Torna a Piacenza il micro festival dedicato alla musica bella a polmoni aperti!
Dopo le prime due storiche edizioni e la scorsa versione targata 2.0. questo giro si suona con il pallone da calcio fra i denti.
Spazio 4, si sa, è ormai il centro della cultura giovanile piacentina: con una programmazione musicale sempre più fresca, i ragazzi di 29100 ci fanno divertire ogni estate, proponendo sempre le migliori occasioni culturali della zona.

Questo weekend le cose andranno anche meglio.
Con il WTTJ, a Spazio 4 si riuniranno alcuni tra i migliori gruppi emergenti (e non) della zona: il sabato proporrà i Jules Not Jude, da Brescia, i News For Lulu, pavesini doc, seguiti dai nostrani Ants Army Project e dai Gentlemen’s Agreement, napoletani con un pizzico di Brasil. La serata si chiude con una band dai toni aulici, capace e carismatica: i Movie Star Junkies, quintetto torinese che dopo i due acclamati album, una dozzina tra singoli ed EP, e svariati tour in Europa e negli Usa presenta “Son of the dust”, oltre ad aprire il concerto italiano di Iggy Pop & The Stooges del 27 luglio.
Approdiamo a domenica 24, contornata da una line-up spintissima: si inizia con i nostrani Philip & The Marmalade, surfisti psichedelici con un album all’attivo, seguiti a ruota dai New Candys, di Treviso, neo-psichedelici e intensi. La palla passa ai Foxhound, un po’ tedeschi, un po’ inglesi, in realtà italiani: sono quattro ragazzi di diciannove anni, che alla loro età ne hanno trenta. Che cos’hanno di speciale? Ci ricordano che si può fare a meno di classificare in categorie tutto ciò che raggiunge il nostro orecchio (e dici poco).
I minuti di recupero li giocano gli Iori’s Eyes, autori di un art-pop tanto fragile quanto raffinato, che arrivano dritti al cuore con le loro atmosfere malinconiche e sognanti.
Tempi supplementari, e conclusione di un Festival che ci farà sognare, in campo abbiamo i Drink To Me: ispirati e stracolmi di personalità (dice “Rumore”); una delle cose più sexy in circolazione (secondo “Rolling Stone”); una delle più brillanti, ingegnose e intriganti realtà della scena indipendente italiana (aggiunge “Rockerilla”); non ci viene da accostare nessun nome ai Drink to me (conclude “Blow Up”).
Altro da aggiungere?

Eh sì. Dalle 15, entrambi i giorni, ben 12 squadre (6 team per giornata) si sfideranno all’interno di un doppio tabellone a gironi espressamente dedicati alle band, alle etichette indipendenti e al “resto del mondo”, ovvero a chiunque voglia infilarsi scarpe e calzini preparandosi a perdere sul campo da calcio meno livellato della provincia. 
Inoltre, torneo di ping pong e calcio balilla.
Dopo lo sport, si recuperano le forse in attesa dei live, con il terzo tempo: i meno sportivi potranno godersi l’aria aperta e il verde di Spazio 4 gustandosi uno dei nostri deliziosi lunch box, disponibili per tutti e a tutte le ore.

Non è ancora finita: sabato 23 c’è “I’m A Real Player”, aperitivo targato Moustaches. Chi sono i Moustaches? Li definiscono così: “Quattro menti, quattro corpi, centinaia di idee. Lo scopo è dar nuova vita alla città di Piacenza, promuovendo la cultura giovanile e l’estro artistico locale, ideando ed organizzando eventi dal taglio nuovo, freschi e creativi.”.

Appuntamento fissato per il weekend a Spazio 4, motore della cultura in avviamento, vivo e potente.
Di seguito, tutti i link per essere aggiornati sulle iniziative del weekend più vivo dell’estate.

Web: 29100 fACTORY – Welcome To The Jingle – Moustaches
Facebook: Moustaches – I’m A Real Player – Welcome To The Jingle – 29100 fACTORY
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.