Quantcast

A Ferriere l’ultimo saluto ad Annalisa FOTO foto

Il paese si è stretto intorno ai familiari della ragazza uccisa martedì scorso nell’appartamento di via Circonvallazione in cui stava trascorrendo le vacanze. Nel pomeriggio i funerali nella chiesa di San Giovanni. "Lei e Monica erano inseparabili - ha detto il sacerdote durante l’omelia - La gioia di Dio però è anche nel saper perdonare"

Ferriere si è stretta intorno ai familiari di Annalisa Lombardi, la ragazza uccisa martedì scorso nell’appartamento di via Circonvallazione in cui stava trascorrendo le vacanze.

In tanti, in un clima di grande commozione, si sono raccolti nel pomeriggio nella chiesa di San Giovanni per rivolgere ad Annalisa l’ultimo saluto. Amici, conoscenti, i volontari della Croce Azzura dove Annalisa prestava servizio; all’esterno della chiesa uno striscione con una foto della ragazza sorridente e la scritta “ciao Annina”, il nome con cui era conosciuta in paese. Per l’occasione il sindaco del Comune della Valnure Antonio Agogliati, presente alla celebrazione officiata da Don Giuseppe Calamari, ha proclamato una giornata di lutto cittadino.

“Annalisa era una ragazza brava e disponibile, sempre pronta ad aiutare gli altri” – ha detto il sacerdote nella sua omelia. Don Calamari ha però voluto ricordare anche Monica, accusata del terribile omicidio: “Abbiamo conosciuto queste due giovani, che erano inseparabili. Oggi ci chiediamo: cosa può scattare all’improvviso nel cervello umano?”. “La gioia di Dio – ha aggiunto – è anche nel saper perdonare”.

Il fidanzato di Annalisa, con la quale avrebbe dovuto sposarsi, ha voluto ricordarla con una lettera, letta da un’amica durante la funzione religiosa; all’uscita del feretro dalla chiesa sono stati liberati in cielo decine di palloncini.

MONICA MONTAGNA NON RISPONDE AL GIP – Non è stata in grado di riferire nulla di quanto accaduto nell’appartamento di via Circonvallazione Monica Montagna, l’amica accusata dell’omicidio di Annalisa, nel corso dell’interrogatorio di garanzia di fronte al gip di Parma. “Monica non è ancora in grado di partecipare attivamente alle indagini” – ha spiegato il legale della ragazza Matteo Manici. Montagna si trova in stato di arresto con l’accusa di omicidio volontario: al momento è ancora ricoverata presso l’ospedale di Parma a seguito delle ferite riportate a seguito dalla caduta dalla finestra subito dopo il delitto.  All’incontro, oltre al gip e all’avvocato difensore hanno partecipato il pm Ornella Chicca e alcuni uomini del nucleo investigativo dei Carabinieri.

LE INDAGINI – Proseguono intanto gli accertamenti, affidati ai carabinieri del nucleo investigativo di Piacenza alla guida del capitano Rocco Papaleo, per arrivare a capire quanto accaduto martedì scorso all’interno dell’appartamento teatro del delitto. Come emerso nel corso dell’autopsia il corpo di Annalisa è stato raggiunto da oltre 150 coltellate; una violenza che al momento resta senza motivo. Nelle ultime ore sono state sentite diverse persone, amici e conoscenti delle due ragazze, nel tentativo di ricostruire i loro rapporti. Parallelamente vengono portati avanti anche i rilievi scientifici sulla base degli elementi raccolti all’interno ed all’esterno della palazzina di via Circonvallazione. In questo senso alcune tracce di sangue rinvenute su uno dei balconi affacciati sul cortile e sul muro dello stabile tenderebbero ad escludere l’ipotesi del tentato suicidio da parte di Monica Montagna, avvalorando invece fra gli inquirenti l’ipotesi di una fuga volontaria dall’appartamento, forse a causa dell’arrivo di alcuni vicini: la ragazza avrebbe tentato di calarsi a terra sfruttando i balconi per poi cadere durante questo tentativo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.