Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Camminate piacentine

Camminate piacentine, la Pietracorva e il giardino alpino di Praticchia  foto

Una camminata sui belvedere che ospitarono antichi castellieri liguri

Più informazioni su

Da Cicogni ai monti Pian Perduto e Pietra di Corva
 
Una camminata sui belvedere che ospitarono antichi castellieri liguri
 
L’escursione proposta questa settimana da Piacenza Sera si sviluppa nella sezione più occidentale dell’appennino piacentino, al confine con l’Oltrepò pavese, nella parte più elevata di una piccola valle tributaria del torrente Tidone. 
Quest’ultimo nasce in territorio lombardo alle pendici del monte Penice, sfiora Romagnese ed incontra, nel punto in cui entra in terra emiliana, la più rilevante opera ingegneristica realizzata in epoca fascista nel territorio piacentino: la diga del Molato (opera conclusa nel 1928).
Dopo aver formato il lago di Trebecco, il Tidone riceve all’altezza di Nibbiano le acque del primo dei suoi affluenti di una certa importanza: il Tidoncello. 
La parte alta del corso di questo torrente è divisa in due rami: quello orientale, detto “di Sevizzano”, ha origine alle pendici dei monti Variola e Lazzaro, spartiacque con la valle del Luretta, mentre quello più occidentale, il Tidoncello Merlingo, nasce a poca distanza dal colle Crocetta, varco naturale verso la Val Trebbia.
Quest’ultima porzione di valle è particolarmente suggestiva, dal momento che, proprio sulla linea del crinale che la unisce al monte Penice, svettano tra boschi e coltivi, sul paesaggio morbidamente ondulato, imponenti blocchi di scure rocce ofiolitiche di origine vulcanica.
Grazie alla loro posizione emergente hanno avuto una grande importanza per le popolazioni liguri che abitavano le vallate circostanti in epoca neolitica, e che hanno realizzato castellieri in queste posizioni strategicamente sopraelevate; la loro presenza è dimostrata dai ritrovamenti archeologici effettuati sul monte il Groppo, ben visibile dal tracciato dell’escursione: asce e accette in serpentino, fibule e aghi crinali.
I balconi rocciosi raggiunti dalla camminata erano probabilmente utilizzati anche per celebrare cerimonie religiose: dalle cime lo sguardo spazia verso l’intera Val Trebbia ed il monte Penice, consacrato al dio Pen, divinità celto-ligure associata alla sommità delle montagne (e da cui derivano vari toponimi delle nostre montagne, monte Penna e Appennino tra tutti).
 
L’escursione parte da Cicogni, in comune di Pecorara, posto a 701 metri sul livello del mare e a 50 km circa da Piacenza; ha uno sviluppo lineare di circa  11,5 km, tutti su sentieri segnati dal CAI (201, 101 e 203) e ha un dislivello complessivo di 693 m, raggiungendo la quota massima sulla cima del monte Pietra di Corvo, a m. 1078; l’itinerario può essere percorso in circa 3 ore e un quarto, al netto delle soste, ed è privo di tratti pericolosi o esposti: solo sulla cima del m. Pietra di Corvo occorre fare un minimo di attenzione, per il versante settentrionale a precipizio sul bosco sottostante.
L’escursione può essere effettuata in ogni periodo, anche in quello invernale, ma in caso di neve o ghiaccio è meglio accontentarsi della sola risalita del m. Pian Perduto, ugualmente panoramico; in periodi particolarmente piovosi, inoltre, il percorso dal Pian Perduto al colle della Crocetta può presentare ampi tratti fangosi e allagati, spesso aggirabili seguendo sentieri alternativi ben marcati.
 
DESCRIZIONE
 
Dalla bella fontana del paese, utile per il rifornimento delle borracce, si scende ad attraversare il Tidoncello Merlingo su un’ampia carrareccia (segnavia CAI 201), quindi si prosegue in costante salita, prima nel bosco e poi allo scoperto, fino a Praticchia. Da quest’ultima frazione piacentina si raggiunge, su un breve tratto di strada asfaltata, il giardino botanico alpino Pietra Corva, già in territorio pavese (comune di Romagnese), dove sono ospitate oltre 1200 specie vegetali, e che possiede una importante raccolta di 50 specie tipiche degli impervi ambienti ofiolitici. Nei recinti circostanti con un po’ di fortuna si possono vedere caprioli, daini e cervi.
Si prosegue in salita nella faggeta, fino a raggiungere l’incrocio con il sentiero CAI 101 che congiunge Travo con il Penice; da qui un ulteriore breve sforzo porta sulla cima del monte Pian Perduto (m. 1063 – spesso indicato come “Pan Perduto”) da cui il panorama, altrimenti nascosto dalla vegetazione, si apre a 360° sulle valli del Trebbia e del Tidone. Vicinissima si scorge a nord la Pietra di Corvo, sulla quale si salirà tra poco; quindi a destra il m. Mosso, il Lazzaro e, in lontananza la Pietra Parcellara; in primo piano il monte Pradegna, e sull’altro lato della val Trebbia il crinale ofiolitico che la divide dalla val Perino, quindi i monti che cingono la conca di Bobbio; più lontano l’Aserei. Verso sud il monte Penice e, sull’orizzonte, il monte Alfeo. In direzione dell’Oltrepò Pavese si individuano Romagnese ed il monte Calenzone. Dal mare di alberi che si stende ai piedi del rilievo emerge la piatta cima erbosa del monte il Groppo, come detto antica sede di un castelliere ligure di epoca neolitica.
Ripreso il cammino, si ridiscende alla selletta, per poi guadagnare la vetta del monte Pietra di Corvo (m. 1078 – indicata anche “Pietra Corva”), così chiamato perché formato da nera roccia serpentinica: da qui è possibile osservare anche la vallata del Tidoncello, con gli abitati di Praticchia, Cicogni e, più lontana, Pecorara con il monte Ciarello.
Imboccato il percorso Travo-Penice verso valle, tra enormi macigni crollati dalle pareti sovrastanti nel folto del bosco, si raggiunge la strada asfaltata nei pressi del passo Crocetta, che mette in comunicazione la val Trebbia con la val Tidoncello.
Si prosegue sul sentiero fino ad aggirare le pendici del monte Mosso, quindi si svolta sul tracciato CAI 203 che, con un percorso in alcuni tratti incerto ma con segnavia abbastanza evidente, conduce prima ai Piani di Busseto, poi di nuovo a Cicogni e all’autovettura.
 
Achille Menzani
 
NOTIZIE UTILI
A Cicogni sono presenti: Bar-trattoria Alpina, Vicolo Portici, 6, tel. 0523.999116 e il Bar Antica Osteria Cicogni, Via Della Chiesa, tel. 0523.999245.
 
Giardino botanico alpino Pietra Corva: apertura al pubblico: dal 1 aprile al 30 settembre dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00  chiuso il lunedì tel. 0383.580054
A pochi metri dal giardino è presente un bar – ristoro aperto solo in stagione tel. 0383.580172
 

La mappa

La scheda

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.