Quantcast

Eataly e Cavallerizza, Botti (Pdl): “Perché tanti ritardi nel progetto?” foto

Il consigliere comunale Pdl Giovanni Botti ha presentato un’interrogazione sulla situazione zona Cavallerizza, delucidazioni sul futuro dell’area e del parco enogastronomico.

Più informazioni su

Piacenza – Il consigliere comunale Pdl Giovanni Botti ha presentato un’interrogazione sulla situazione zona Cavallerizza, delucidazioni sul futuro dell’area e del parco enogastronomico.

Ecco l’interrogazione presentata al sindaco di Piacenza, Paolo Dosi 

Considerato che nell’ottobre 2010 è stata inaugurata l’area in oggetto pubblicizzata come la nuova “piazza-giardino” della città;
constatato che la zona non ha visto la frequentazione da parte dei cittadini così come era stata prevista nelle intenzioni della passata amministrazione, e che inoltre gli stabili destinati ad uso abitativo vedono la presenza di solo due appartamenti occupati, e che inoltre gli uffici della zona est risultano per lo più vuoti;
vista la deliberazione n.34 del 2 marzo 2010 in cui il Consiglio Comunale si era posto l’obiettivo di realizzare un centro enogastronomico e didattico per la valorizzazione dei prodotti tipici locali e non solo, da localizzare nello stabile denominato “La Cavallerizza”;

vista la conseguente deliberazione del luglio 2010 che approvava il progetto di ristrutturazione dell’immobile per gli scopi di tale iniziativa;

vista la successiva aggiudicazione del bando nell’anno 2011 al gruppo composto da Indacoo soc. coop. per azioni (soggetto costruttore), Eataly srl (soggetto gestore) e Cariparma Crédit Agricole (soggetto garante finanziario), dopo un primo bando non aggiudicato.
considerato che l’iter di tale progetto è avviato da più di due anni, e che la realizzazione del progetto avrà una durata di 300 giorni;
considerati inoltre i ripetuti annunci di futura e prossima inaugurazione più volte disattesi, e che come riferisce in una dichiarazione sulla stampa locale del 24.7.12 il Presidente di Indacoo “ci sono per legge dei passaggi da rispettare…ma sono molto lunghi e farraginosi”,
si chiede di sapere,
1. quale sia la motivazione dell’impedimento burocratico che procrastina la realizzazione del progetto del parco enogastronomico, e quali altri impedimenti abbiano ritardato a tutt’oggi
l’avvio dei lavori;
2. quali azioni intenda assumere l’amministrazione a riguardo, considerata l’evidente “perdita” economica per la non utilizzazione di un luogo strategico a livello economico-sociale per la
città;
3. a chi sia da imputare tale ostacolo alla realizzazione del progetto;
4. quali azioni intenda assumere l’Amministrazione a fronte della non occupazione dei locali adibiti ad uffici e degli stabili abitativi;
5. se non si intenda ripensare, per tutta l’area nel suo complesso, ad una destinazione d’uso diversa dall’attuale, vista la non fruizione dei cittadini alla “piazza-giardino” come luogo di
aggregazione sociale e la non occupazione di uffici ed abitazioni;
6. se si possa ripensare la destinazione d’uso degli immobili non occupati per scopi di aggregazione sociale e associativa;
7. se esista un reale piano strategico di sviluppo economico e sociale della complessiva area della “Cavallerizza”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.