Quantcast

Gabbiani (M5S): “Abuso edilizio alla Nino Bixio”. Radice: “Tutto regolare”

"Lavori iniziati prima del via libera in consiglio" è la denuncia di Gabbiani, al quale si uniscono per chiedere chiarimenti anche Roberto Colla (Moderati) e Christian Fiazza (Pd). 

Più informazioni su

“E’ tutto regolare: i veri abusi edilizi sono altri”. Così Laura Radice, presidente della società sportiva Nino Bixio, replica alle accuse mosse da Andrea Gabbiani del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale (vedi più sotto l’intervento di Gabbiani).
“E’ da 18 mesi che cerchiamo di portare a termine l’opera di riadattamento dei campi di via Diete di Roncaglia, all’esterno della sede della nostra società – spiega Radice -, opera che consentirà la nascita di una scuola di tennis, a servizio di tutta la città, dedicata alla memoria del nostro socio Silvio Arcelloni”.
“Dopo aver acquistato la porzione di terreno adiacente ai campi un anno e mezzo fa, ci siamo subito adoperati per ottenere la modifica di destinazione d’uso dell’area. In un primo momento – racconta – sembrava che questo potesse avvenire già alla fine dell’anno scorso, consentendo l’inaugurazione della struttura in aprile. Purtroppo la burocrazia si è messa di mezzo e complice il cambio di amministrazione i tempi si sono dilatati. Nell’autunno scorso, quando ancora si sperava di portare a temine l’opera in primavera, avevamo presentato in Comune una S.C.I.A., cioè una segnalazione certificata di inizio attività, per consentirci di realizzare alcuni interventi propedeutici, come la realizzazione della cancellata e la testata dei campi da tennis. Noi non abbiamo costruito nulla, e quanto viene mostrato nella foto di Gabbiani c’è già da diverso tempo”.
“Abbiamo operato e continuiamo a operare nel rispetto delle regole – conclude Radice – e abbiamo le autorizzazioni necessarie. L’opera che andremo a realizzare grazie a un lascito di un nostro socio, e che speriamo di poter inaugurare in settembre, servirà a tutta la città: sarà costruita una gradinata che ospiterà anche gli spogliatoi e un ufficio, per rendere funzionale una scuola tennis che è aperta a tutti. L’impianto potrà poi essere coperto da un pallone pressostastico, una copertura smontabile in poche ore, che lo renderà fruibile anche nella brutta stagione”.

L’intervento in Consiglio comunale di Andrea Gabbiani (5stelle). Coda polemica per la seduta di Consiglio comunale di Piacenza, chiamato ad approvare il bilancio. L’ultimo punto in discussione, una modifica del piano regolatore del Comune per consentire la realizzazione di spogliatoi e servizi per campi da tennis della Nino Bixio in via Diete di Roncaglia, ha sollevato più di una critica. Il primo a porre la questione è stato Andrea Gabbiani del Movimento 5 Stelle, il quale ha fatto notare come i lavori siano già iniziati (nella foto), nonostante non solo la delibera non sia ancora stata approvata ma non esista, in Comune, traccia della pratica. “E’ un abuso edilizio” dice. In merito, sono poi intervenuti per chiedere chiarimenti anche rappresentanti della stessa maggioranza: Roberto Colla (Moderati) e Christian Fiazza (Pd). 

Ecco l’intervento di Gabbiani

La richiesta di modifica della destinazione di PRG che la società canottieri Nino Bixio ci chiede e’ condivisibile e pertanto, come Movimento 5 Stelle,  diamo parere positivo per due motivi:  

Il primo e’ tecnica in quanto e’ evidente che nel vecchio piano regolatore quest’area abbia perduto i requisiti iniziali e che grazie alla possibilità di cambio d’uso possa migliorare in fatto di qualità. Il secondo invece riguarda la visione di città che abbiamo. Riqualificare un’area, quello del lungo argine, vuol dire ridare ai cittadini una zona che fino ad ora e’stata mal utilizzata. 
 
Dobbiamo però rilevare che la richiesta di aggiungere questo punto all’ordine del giorno così all’ultimo minuto ci è sembrata sospetta. Quindi sono andato a vedere dove sorgeranno gli spogliatoi e ho notato che confinante con i campi da tennis si sta costruendo una struttura. Cosa significa questo? Si sta costruendo la struttura prima di avere il permesso per costruirla?
Essendo questo il mio lavoro ho chiesto agli uffici comunali se esisteva una pratica edilizia ma gli uffici non sono riusciti a trovarla. Questo, per chi non si intendesse di pratiche edilizie, se fosse confermato, e’ un perfetto abuso edilizio in quanto realizzato senza nessun tipo di permesso. 
 
Per questo motivo invitamo gli organi adibiti al controllo a verificare se il fabbricato già costruito abbia le dovute autorizzazioni e nel caso non le avesse, ci auspichiamo che i citati organi provvedano ad emettere le dovute sanzioni.
 
“La commissione controllo e garanzia che abbiamo proposto avrebbe monitorato anche questo tipo di richiesta, in quanto organo che verifica tutti i documenti e le procedure presentati. La suddetta commissione viene presieduta dai membri dell’opposizione e diventa garante e tutelante per lo stesso operato del consiglio comunale”.
Bisotti: “Dal punto di vista tecnico, la pratica è corretta. Lunedì verificheremo se le irregolarità denunciate esistono o no”

“Dal punto di vista tecnico, la pratica per la modifica di destinazione d’uso è corretta – replica l’assessore all’urbanistica Silvio Bisotti -. La richiesta della Nino Bixio era stata vagliata ed approvata in Giunta martedì scorso, e nella presentazione dell’ordine del giorno si era accordata, insieme a tutti i capigruppo consiliari, una urgenza sostanziale alla pratica: la società sportiva aveva espresso l’intenzione di eseguire i lavori entro l’estate, per consentirne l’utilizzo ai soci nella bella stagione. L’iter finora seguito – ribadisce Bisotti – è stato corretto: un anno fa la Nino Bixio aveva acquistato dal Comune un piccolo appezzamento di terreno di fianco ai campi da tennis, un impianto di 50 anni fa, in via Diete di Roncaglia, con l’intenzione di costruirvi spogliatoi e servizi, e per questo era stata presentata una richiesta di modifica al Prg. Lunedì, con l’apertura degli uffici, sarà nostra premura verificare se veramente sussistono le irregolarità denunciate dal consigliere Gabbiani, e ci si muoverà di conseguenza”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.