Quantcast

Nasce l’app Piacenza: ecco la mappa digitale di monumenti e negozi del centro foto

La promozione del centro storico racchiusa in un’app: si concretizza finalmente il progetto più tecnologico tra quelli ideati dalla cabina di regia, voluta dall’assessore al Commercio Katia Tarasconi, per dare nuovo sprint a Piacenza.

La promozione del centro storico racchiusa in un’app: si concretizza finalmente il progetto più tecnologico tra quelli ideati dalla cabina di regia, voluta dall’assessore al Commercio Katia Tarasconi, per dare nuovo sprint a Piacenza. 

L’attivazione dell’app, che fornirà informazioni riguardo a musei, negozi e ristoranti della città, è scaricabile gratuitamente da iTunes, è compatibile sia con i sistemi Android che Apple ed è attivabile anche attraverso il QR Places, un codice che sarà affisso in diversi punti della città, per chiunque sia in possesso di uno smartphone. 

 
L’iniziativa rientra nella campagna “Vita in centro a Piacenza”, finanziata dalla Regione Emilia Romagna con 150 mila euro, dei quali 45 mila messi a disposizione dal Comune di Piacenza e 22mila e 500 euro dalla Camera di Commercio cittadina. 
La mappa “digitale” sarà in continuo aggiornamento: da parte degli esercenti sarà possibile segnalare eventi, feste e iniziative di pubblico interesse. Alla presentazione del progetto (che ha visto anche il debutto del nuovo logo di promozione del centro storico) erano presenti i componenti della cabina di regia: Nicola Minelli del Centro di Assistenza Tecnica (Cat) di Ascom Confcommercio, Giovanni Struzzola direttore di Unione Commercianti, Fausto Arzani direttore di Confesercenti e Cristina Cunico della Camera di Commercio, oltre ovviamente alla stessa Katia Tarasconi e al sindaco Paolo Dosi.

“Al momento – spiega Nicola Minelli – sono 128 le attività economiche che hanno aderito e sono oltre 50 gli eventi caricati. questo progetto vuole essere una piattaforma su cui ciascuno può promuovere la propria attività o iniziativa, facendo sistema ed evitando di sperdere risorse in attività autonome”. 

“Questa è un’operazione nata un anno fa – sottolinea Alfredo Parietti – cui Unione Commercianti ha subito aderito, e vuole essere da stimolo anche per altri Comuni della Provincia”. “Da oggi Piacenza è più europea – aggiunge Fausto Arzani – perché ovviamente questa iniziativa serve soprattutto a chi non vive direttamente la città, ed è rivolto ai turisti che vengono a visitarci”. 

“E’ un progetto nato all’interno della cabina di regia – conclude Katia Tarasconi – e rappresenta l’inizio e non la fine di una serie di attività di promozione del centro storico, che ha visto nei mesi scorsi anche la scelta, attraverso un bando, di un logo ad hoc che ora compare su diversi gadget: tazze e borse in tela”. 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.