Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

Presentazione ufficiale a Roma per il Mipa, master della Cattolica

Si è tenuto a Roma l’incontro ufficiale di presentazione dell’Executive Master in Management e Innovazione delle Pubbliche Amministrazioni, attivato per iniziativa di ALTIS – Alta Scuola Impresa e Società, promossa dalle Facoltà di Economia di Milano e Piacenza. 

Più informazioni su

Piacenza – Si è tenuto a Roma l’incontro ufficiale di presentazione dell’Executive Master in Management e Innovazione delle Pubbliche Amministrazioni, attivato per iniziativa di ALTIS – Alta Scuola Impresa e Società, promossa dalle Facoltà di Economia di Milano e Piacenza. 
 
Il Master, che nella sua versione milanese per le amministrazioni locali è giunto alla seconda edizione, prenderà avvio ad ottobre 2012 con un’edizione dedicata alle pubbliche amministrazioni centrali ed agli enti pubblici.
 
“La formula innovativa, la concretezza dell’approccio, la qualità della faculty ed i contenuti del Master sono la carta vincente di questa proposta” – sottolinea la Prof.ssa Elena Zuffada, Direttore del Master e della divisione Public Management di ALTIS –. “Coerentemente con la mission di ALTIS vogliamo formare una classe dirigente che si caratterizza per un’imprenditorialità ed un management orientato allo sviluppo sostenibile, in grado di pensare in modo sistemico e di promuovere quelle innovazioni che servono alle pubbliche amministrazioni e al Paese nel suo complesso”. 
È evidente come la pubblica amministrazione italiana sia ad un bivio, dove la questione culturale pare l’ingrediente fondamentale per un cambiamento reale. “Cambiare la cultura della P.A. – prosegue la Prof.ssa Zuffada – è possibile solo attraverso un diverso agire delle persone. Gli strumenti gestionali per innovare ci sono, ora si tratta di sensibilizzare quei (e sono tanti) dipendenti pubblici portatori di elevate competenze e professionalità che possono diventare protagonisti del cambiamento. In questo la formazione gioca un ruolo importante accompagnando la trasformazione del settore pubblico, per renderlo volano e non di freno alla competitività del sistema produttivo, al servizio del Paese e dei cittadini”. 
 
L’evento si è svolto presso la sede della Fondazione Comunità Domenico Tardini ONLUS che, insieme a Ce.C.A.P. (Centro di ricerca per il Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche dell’Università Cattolica di Piacenza), Fondazione per la Sussidiarietà e ANDIGEL (Associazione Nazionale dei Direttori Generali degli Enti Locali), è partner dell’iniziativa. 
 
Alla presentazione sono intervenuti S.E.R. Mons. Claudio Maria Celli, Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali e Vice Presidente della Fondazione Comunità Domenico Tardini – ONLUS, la Prof.ssa Elena Zuffada e l’Ing. Carlo Meloni, Responsabile Formazione & Ricerca della Fondazione Comunità Domenico Tardini – ONLUS. 
 
In platea, tra le numerose personalità presenti, da segnalare la presenza di S.E.R. Card. Achille Silvestrini (Prefetto emerito della Congregazione per le Chiese Orientali e Presidente della Fondazione Comunità Domenico Tardini – ONLUS), di Giuseppe Busia (Segretario Generale dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture) e di Carla Lucente (Console Onorario d’Italia a Pittsburgh – Pennsylvania).
 
Numerosi i dirigenti pubblici presenti fra il pubblico che sono intervenuti a commento dell’iniziativa. Leonello Tronti (Direttore Ufficio per la formazione del personale delle pubbliche amministrazioni – Dipartimento Funzione Pubblica) ha sottolineato come “la formazione sia una leva strategica di sviluppo, in grado di recuperare qualità ed efficienza”, precisando altresì che “è indispensabile individuare paradigmi organizzativi basati sul sistema della conoscenza”. La necessità di potenziare una cultura di squadra realizzata tra il sistema pubblico e l’utente è stata definita come essenziale da Ciro Esposito (Dirigente responsabile del Servizio controllo interno del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Presidente dell’OIV), che ha evidenziato come “PA e cittadini non sono attori in contrapposizione, ma elementi interdipendenti protesi verso obiettivi comuni”. 
Fabio Pistella (Componente del Comitato Direttivo di DigitPa, Ente nazionale per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione) ha invece rimarcato come “la tecnologia debba essere considerata come fattore innovativo a carattere trasversale. Il cambiamento della PA è infatti possibile investendo congiuntamente anche sugli strumenti manageriali, ma più ancora sul capitale umano, la persona, come espressione di competenze, comportamenti e valori”. 
 
ALTIS è una delle 7 Alte Scuole dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, strutture di eccellenza nella ricerca e nella didattica per rispondere alle grandi sfide dei processi di globalizzazione.
Nata nel 2005 per favorire la diffusione di una cultura del management responsabile, ALTIS è concepita come think tank e connotata da una forte apertura al contesto internazionale e dalla volontà di servire con grande concretezza i bisogni degli studenti e delle imprese che con essa interagiscono.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.