Quantcast

Revisione delle spesa pubblica, i sindacati: “Basta tagli lineari” foto

Revisione delle spesa pubblica, i sindacati: "Basta tagli lineari e penalizzazioni del welfare". Queste le motivazioni che hanno portato Cgil, Cisl e Uil a protestare davanti alla sede della Prefettura di Piacenza.

Più informazioni su

Revisione delle spesa pubblica, i sindacati: “Basta tagli lineari e penalizzazioni del welfare”. Queste le motivazioni che hanno portato Cgil, Cisl e Uil a protestare davanti alla sede della Prefettura di Piacenza. I sindacati chiedano che sia data una risposta al dramma degli esodati: lavoratori che rischiano di trovarsi senza stipendio e senza pensione, e che, dicono i confederali, devono essere tutelati. E’ necessario inoltre, viene sottolineato, evitare lo smantellamento del welfare, riorganizzare i servizi pubblici, difendere il welfare eliminando sprechi, esternazionalizzazioni, appalti poco trasparenti, tagliare dove serve ma spendere dove occorre, valorizzare il personale e le professionalità acquisite, evitare riduzioni di posti di lavoro. 

Accanto a Paolo Lanna (Cgil), Marina Molinari (Cisl), Massimiliano Borotti (Uil), erano presenti i rappresentanti delle principali categorie sindacali. Tra questi i segretari del mondo della scuola di Cgil e Cisl, i quali hanno voluto sottolineare gli effetti negativi della spending rewiew sul settore. “I tagli lineari – dicono – danneggeranno il sistema dell’istruzione, dell’università e della ricerca, con gravi conseguenze sul personale Ata, sui docenti che, per gravi problemi di salute, dovranno intraprendere un nuovo percorso professionale, e anche sulle segreterie, che dovranno fare i conti con la riduzione di personale qualificato, e la penalizzazione dell’offerta formativa delle scuole”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.