Quantcast

Siccità, Confagricoltura: “A rischio la filiera del pomodoro”

“Questa carenza idrica poterà danni ingenti – sottolinea Giovanni Lambertini, Presidente della Sezione di Prodotto Pomodoro da industria di Confagricoltura Piacenza 

Più informazioni su

CONFAGRICOLTURA: A RISCHIO LA FILIERA DEL POMODORO

Lambertini: acqua subito e poi pianifichiamo gli invasi

“Questa carenza idrica poterà danni ingenti – sottolinea Giovanni Lambertini, Presidente della Sezione di Prodotto Pomodoro da industria di Confagricoltura Piacenza e di Confagricoltura Emilia-Romagna – nella nostra provincia è particolarmente drammatica la situazione in Val Trebbia, ma sono sotto scacco oltre 11.000 ettari di pomodoro da industria di tutta la zona. In regione – continua Lambertini – sono circa 25.000 gli ettari destinati a questa coltura con costi produttivi elevati che non può essere compromessa dalla siccità, invece, ci giungono continuamente segnalazioni d’allarme anche dalle altre province. Confagricoltura sostiene da anni la necessità di realizzare invasi che vadano a sopperire la mancanza d’acqua che puntualmente si verifica in estate. Data la situazione, sembra ormai impossibile scongiurare il pesante danno economico. Soprattutto nell’area emiliana, dove la componente di derivazione torrentizia dalla zona appenninica delle acque ad uso irriguo gioca un ruolo importante, diviene, in generale, insostenibile l’applicazione del minimo deflusso vitale, specialmente in una situazione di siccità permanente come quella di questa estate. Anche nella provincia di Ferrara, tuttavia, si evidenziano i danni alla coltura per i gravi problemi di siccità. Il Distretto del Pomodoro non ha mancato di sottolineare il problema – conclude Lambertini –confidiamo nel ruolo che giocherà il distretto nel farsi parte attiva delle istanze dei produttori che chiedono alle istituzioni acqua subito e, superata l’emergenza, un piano irriguo per la gestione di una risorsa ormai scarsa e irrinunciabile per la coltura del pomodoro da industria. La filiera è a rischio e con essa tutto l’indotto collegato”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.