Tempi Agenzia, dalla Finanza sanzioni da 313 mila euro per Reggi e Boiardi

Sulla vicenda Tempi Agenzia e le sanzioni amministrative disposte a seguito della mancata comunicazioni dei compensi percepiti dalla presidente dal 2006 al 2011 Paola Votto, riportiamo il comunicato della Guardia di Finanza

Sulla vicenda Tempi Agenzia e le sanzioni amministrative disposte a seguito della mancata comunicazione dei compensi percepiti dalla presidente dal 2006 al 2011 Paola Votto, riportiamo il comunicato della Guardia di Finanza. Paola Votto aveva manifestato la volontà di ricorrere contro la maximulta.

La Guardia di Finanza di Piacenza ha accertato che il pubblico dipendente Paola Votto, senza la previa autorizzazione dell’ente di appartenenza, ha esercitato la carica di presidente del consiglio di amministrazione di Tempi Agenzia spa (ora srl) dal 27.04.2006 al 30.03.2012 percependo compensi lordi per 156.525 euro, che sono stati fiscalmente dichiarati, ma non comunicati alla predetta amministrazione.

L’attivita’ ispettiva del nucleo speciale pubblica amministrazione della Guardia di Finanza, ha evidenziato tre profili di responsabilita’ connessi alla carica amministrativa di Tempi Agenzia attribuita a Paola Votto, dipendente della scuola primaria “Due Giugno” della direzione didattica statale “IV Circolo” di Piacenza.

Il conferimento dei predetti incarichi (2 mandati consecutivi) al pubblico dipendente ha comportato le violazioni dell’art. 53, comma 9, del d.lgs 165/2001 sanzionate dall’art. 6, comma 1, del d.l. 79/1997, i cui responsabili sono stati il sindaco di Piacenza (ing. Roberto Reggi) ed il presidente della Provincia di Piacenza (dott. Gian Luigi Boiardi) pro tempore (con obbligazione solidale al pagamento delle sanzioni da parte dei rispettivi enti locali, ai sensi dell’art. 6, comma 3, della legge 689/1981). La sanzione per ciascun responsabile ammonta a 313.050 euro.

Inoltre, Tempi Agenzia non ha provveduto a comunicare all’amministrazione di appartenenza di Paola Votto i compensi erogati a quest’ultima in violazione dell’art. 53, comma 11, del d.lgs 165/2001, condotta sanzionata dall’art. 6, comma 1, del d.l. 79/1997, i cui trasgressori sono stati, negli anni 2008, 2009, 2010 e 2011, il Presidente del consiglio di amministrazione, Paola Votto e, nell’anno 2012, l’amministratore unico, Gianluca Micconi (con sanzioni, rispettivamente, di 233.341 e 62.975 euro).

Per queste ultime violazioni, commesse dai legali rappresentanti pro tempore di Tempi Agenzia, è stata contestata l’obbligazione solidale al pagamento delle sanzioni alla societa’, ai sensi dell’art. 6, comma 3, della legge 689/1981 e ai consiglieri di amministrazione pro tempore della stessa, ai sensi dell’art. 6, comma 2, della legge 689/1981.

Infine, dal 20.02.2007 al 17.03.2007, Paola Votto, sempre in assenza della predetta autorizzazione, ha svolto l’attività di collaboratrice occasionale per conto di un professionista piacentino, percependo un compenso lordo di 3.000 euro. a quest’ultimo e’ stata contestata l’omessa comunicazione nei termini e nelle modalita’ di legge dei compensi erogati al pubblico dipendente, con sanzione di 6.000 euro.

Tutte le predette sanzioni amministrative sono estinguibili in misura ridotta con il pagamento di un terzo delle stesse entro 60 giorni dalla notifica della contestazione delle violazioni.

L’inosservanza del divieto per il pubblico dipendente di svolgere incarichi retribuiti extraufficio in assenza di autorizzazione dell’ente di appartenenza e’ stata segnalata al dipartimento della funzione pubblica per l’attivita’ di competenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.