Quantcast

Torna ogni martedì la “Musica ai Giardini” IL PROGRAMMA

Il programma di quest’anno si divide tra luglio, in cui ci saranno degli appuntamenti di musica jazz (musica di per se portata alla fusione ed alla contaminazione), ed agosto e inizio settembre, dove si realizzeranno degli appuntamenti di musica dedicati alla musica classica

Più informazioni su

Come accade da ormai diversi anni nei martedì di luglio e agosto la rassegna “Musica ai Giardini” propone repertori di musica jazz e musica accademica presso i Giardini Margherita. Durante questi appuntamenti uno spazio come quello antistante la stazione ferroviaria diventa uno spazio di socialità e di frequentazione per un pubblico vasto ed eterogeneo.

Il programma di quest’anno si divide tra luglio, in cui ci saranno degli appuntamenti di musica jazz (musica di per se portata alla fusione ed alla contaminazione), ed agosto e inizio settembre, dove si realizzeranno degli appuntamenti di musica dedicati alla musica classica.

Di seguito il calendario dei concerti:

Martedì 10 Luglio
Camilla Battaglia/Daniele Gregolin/Gabriele Boggio Ferraris

Con questo progetto, al suo debutto assoluto, questo trio si propone di presentare un’idea musicale piuttosto originale: da un lato il rispetto e l’omaggio alla tradizione dei grani del Jazz ( Parker, Ellington, Davis…), dall’altro la voglia di presentare materiale originale ed inedito, dove le contaminazioni spaziano da Django Reinhardt a Brad Mehldau, da Ralph Towner ai Nirvana, lasciando così volutamente un ventaglio molto ampio di sfaccettature sonore.
Inoltre la formula voce vibrafono e chitarra è assolutamente poco battuta e rappresenta una ventata di novità nel panorama delle consuete formazioni jazzistiche.

Martedì 17 Luglio
“Duology”
The art of the duo

Claudio Fasoli sax tenore e soprano
Luca Garlaschelli contrabbasso

La formula sax contrabbasso, sebbene particolare , è stata frequentata più volte nella storia della musica afroamericana. Claudio Fasoli e Luca Garlaschelli ripercorrono la via del duo cameristico proponendo un repertorio costituito da brani composti appositamente per questa insolita formazione insieme a standard celeberrimi del repertorio jazzistico. Il Cd “Duology “ uscito da poco ha già riscosso notevoli successi sia dalla critica nazionale che europea.

Martedì 24 Luglio
Maurizio Camardi: sassofono soprano – tenore – duduk
Emanuele Grafitti: chitarra      

Un nuovo progetto, questa volta in duo per  Maurizio Camardi, un repertorio che si snoda tra brani originali e qualche “cover”,  che si sviluppa a cavallo di generi musicali differenti. Ormai abitualmente  il sassofonista padovano si muove raccogliendo stimoli e sonorità che provengono dagli innumerevoli viaggi  musicali in giro per il mondo compiuti in tanti anni di attività. Da ogni viaggio Maurizio Camardi ha portato a casa un ritmo, una melodia, un suono che ha sapientemente miscelato con la sonorità di base che gli deriva dallo studio della tradizione jazzistica, ne è uscito un prodotto musicale originale ed interessante, dove (se proprio vogliamo dare delle etichette) echi di jazz, pop e world  si mischiano in continuazione.

La scelta del duo tutto acustico è determinata dalla volontà di sviluppare una sonorità più diretta, che in qualche momento prende una forma quasi cameristica e dove il suono dei sassofoni  e degli altri suoi fiati etnici si interseca e si appoggia alla perfezione con quello della chitarre classica ed acustica.
Sul palco con lui il giovanissimo chitarrista triestino Emanuele Grafitti, vero talento emergente da non perdere assolutamente.

Martedì 31 Luglio
Paolo Tomelleri Swing Quartet

Paolo Tomelleri è nato nel 1938 a Vicenza in una famiglia dove si respirava musica classica, dopo essersi diplomato in clarinetto al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano nel 1957 entra subito a far parte della famiglia dei musicisti di jazz, unendosi ai Windy City Stompers per cominciare una carriera lunghissima, piena di collaborazioni ad alto livello che lo hanno portato attraverso il jazz, la musica classica e la musica leggera italiana, con collaborazioni con Lino Patruno, Giorgio Gaber e Giampiero Reverberi. Sino ai giorni nostri Paolo Tomelleri ha scritto musiche da film, spettacoli teatrali, documentari, jingles pubblicitari, scritto libri di armonia, solfeggio e studio del clarinetto, scritto e arrangiato musica per svariate case discografiche, ha suonato tutti i giorni praticamente in tutto il mondo, molto spesso in Germania, Svizzera e Francia, ai più importanti Festival jazz europei che si contendono la sua presenza.

Insegnante di clarinetto, sassofono, armonia e solfeggio sia presso scuole musicali che come insegnante privato, le sue collaborazioni artistiche, oltre a quelle già citate, lo vedono a fianco di Tony Scott, Joe Venuti, Jimmy Mc Partland, Dick Cary, Ralph Sutton, Bill Coleman, Wild Bill Davison, Clark Terry, Red Mitchell, Jimmy Woode, Phil Woods, Billy Butterfield, Bud Freeman.

Martedì 7 Agosto
Cecilia Ferron – Violino
Andrea Ferrario – chitarra

Musiche di N.Paganini, J.S.Bach, F.Rebay,
M.Castelnuovo-tedesco, A.Piazzolla

Cecilia Ferron : Intraprende i primi studi musicali all’età di undici anni nella Scuola Media Musicale di Mortara, a dodici partecipa al primo concorso nazionale  per alunni delle scuole medie statali ad orientamento musicale, tenutosi a Milano, classificandosi quarta; a tredici anni entra al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano sotto la guida del Maestro Osvaldo Scilla e si diploma successivamente con il Maestro Fabrizio Pavone. Fra le sue collaborazioni vi sono quella con l’Orchestra Brianza Classica, l’Orchestra A. Vivaldi, l’Orchestra I Solisti Europei, l’Orchestra Teresa Tua Quadrio, l’Orchestra Haffner, l’Orchestra Sinfonica Swarowsky, la Sinfonietta Giovanile Milanese, l’Orchestra dell’istituto Tonelli di Carpi, il Quartetto Puccini.


Martedì 21 Agosto

Alessandro Eusebio clarinetto
Silvia Maioni chitarra

Musiche di: Piazzolla, Granados, Faurè, Debussy, Strawinsky, Kovac,
Satie e Abdoullah Ibrahim.

Alessandro Eusebio: Nato a Milano nel 1978, consegue il diploma di clarinetto con il massimo dei voti presso il Conservatorio G. Verdi di Milano sotto la guida del Maestro Sergio Delmastro. Successivamente decide di perfezionarsi all’estero con i Maestri Francois Benda e Milan Rericha conseguendo il Diploma di Perfezionamento con lode, il Diploma di Solista ed il Diploma di Psicopedagogia Musicale e Metodica del Clarinetto con lode al Conservatorio della Svizzera Italiana.  
Svolge un’intensa attività concertistica sia di musica classica che di musica jazz, collaborando stabilmente con diverse orchestre, formazioni di musica da camera ed esibendosi come solista.


Martedì 28 Agosto

Bilingüe
(Spagna/Germania/Italia)

Un collettivo misto tra Spagna,Germania e Italia per una sola passione, la musica tradizionale Gipsy e  Flamenco. Due voci  con chitarre, contrabbasso e cajon per proporre un repertorio di brani tradizionali della Spagna e , più in generale, del sud america. Brani del famosissimo Camaron della Isla o dei Gritos de Guerra: un repertorio veramente  prezioso adatto sia ai palati più esigenti come ai neofiti della musica.

Il Gruppo “Bilingue” è stato fondato da Simone Spreafico , fondatore del celeberrimo ensemble “Mercanti di Liquore” , arrangiatore e produttore del cd “Ciao Mortali” di Tonino Carotone, collaboratore stabile dell’attore Marco Paolini.

Martedì 4 Settembre
Quartetto di flauti del Conservatorio G.Nicolini di Piacenza.
Matteo Cagno, Catania Alice, Natale Giorgia, Poletti Federica

Musiche di E. Bozza, V. De Michelis, G. Briccialdi, C.W.Gluc, J.S.Bach, J. Haydn, A. Piazzolla

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.