Quantcast

Trenta coltellate per uccidere l’amica FOTOSERVIZIO  foto

Tragedia a Ferriere, in provincia di Piacenza, dove si è consumato un omicidio e vittima e assassino sono due giovani donne, amiche di lunga data. Dopo aver pranzato insieme forse una lite ha fatto da prologo al delitto

Più informazioni su

TRENTA COLTELLATE E LA TENTATA FUGA – Tragedia a Ferriere, in provincia di Piacenza, dove si è consumato un omicidio efferato e vittima e assassino sono due giovani donne, amiche di lunga data ed entrambe originarie del milanese. La vittima si chiama Annalisa Lombardi di 28 anni di Milano, ad ucciderla l’amica Monica Montagna, 29enne di Bovisio Masciago. Trenta coltellate sferrate con un grosso coltello da cucina in un raptus omicida dopo una furibonda lite, seguita ad un pranzo insieme: queste le circostanze del tragico delitto secondo le prime ricostruzioni.  

I FATTI – Una ragazza di 29 anni, Monica Sabrina Montagna di Bovisio Masciago, è stata trovata nel primo pomeriggio, poco prima delle 15, ferita e riversa al suolo ai piedi di una finestra del terzo piano di una palazzina nel centro di Ferriere. Nell’appartamento è stata rinvenuta in un lago di sangue un’altra donna, l’amica 28enne senza vita, Annalisa Lombardi di Milano, con numerose ferite da taglio sul corpo, inferte con un grosso coltello da cucina. All’interno anche le tracce di una colluttazione.

LA CADUTA DALLA FINESTRA DOPO IL DELITTO – Dopo il delitto la Montagna avrebbe tentato di fuggire da una finestra, scivolando prima di cadere su un balcone sottostante e poi nel cortile della palazzina. Subito soccorsa dai sanitari del 118, la giovane è stata trasportata con l’elisoccorso all’ospedale di Parma con una ferita alla testa. Non si trova in pericolo di vita.

In un primo tempo l’ipotesi più accreditata era quella del tentativo di suicidio della ragazza, ma poi il quadro è cambiato: forse la Montagna ha tentato di fuggire dall’appartamento passando da una finestra ad un balcone laterale, cadendo al suolo e ferendosi. Un tentativo di fuga precipitosa probabilmente indotta da un vicino, che insospettito dalle urla, avrebbe cercato di forzare la porta d’ingresso per entrare nella casa.

MOVENTE DA CHIARIRE – I carabinieri giunti sul posto hanno cercato di ricostruire i fatti: pare che le due donne, amiche di lunga data, avessero pranzato insieme nella casa in affitto dei genitori della vittima, abituali frequentatori del centro dell’alta Valnure. Poi è scoppiata una lite furibonda, secondo quanto riferito dai vicini che avrebbero sentito alcune urla, fino al tragico epilogo, avvenuto poco prima delle 15. I carabinieri di Bobbio e del Nucleo investigativo hanno svolto i rilievi scientifici nell’appartamento e sul balcone (nelle foto). Sul posto è giunto da Piacenza il magistrato Ornella Chicca, che non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

CLAMORE IN TUTTO IL PAESE – La voce del fatto di sangue si è subito sparsa in paese e sul posto sono arrivati alcuni familiari della vittima (nelle foto). Sul movente dell’omicidio non ci sono ancora ipotesi chiare, non è esclusa la pista passionale.

Monica Montagna, che si trova ricoverata all’ospedale di Parma, pur essendo originaria di Bovisio Masciago nel milanese, ha lavorato per alcuni anni alla sede centrale di Cariparma a Piacenza. Abituale villeggiante a Ferriere con la famiglia, pare avesse avuto una relazione con un giovane del paese poi terminata. La donna avrebbe chiesto quindi il trasferimento a Milano e poi si sarebbe licenziata dalla banca. Pare che stesse attraversando un momento difficile. Si trovava a Ferriere ospite di un cugino.

A breve nuovi aggiornamenti 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.