Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Cinema

A Concorto rivive la “Corazzata Potëmkin”. Il programma di stasera

Accompagnata dalle musiche del quartetto del Piacenza Jazz Club a Villa Raggio è andata in scena la storia. La storia del cinema e la storia con la “s” maiuscola.  La quarta serata del festival di cortometraggio ha avuto come protagonista Sergej M. Ejzenštejn e il suo capolavoro: “La corazzata Potëmkin”

Più informazioni su

Accompagnata dalle musiche del quartetto del Piacenza Jazz Club, ieri sera, a Villa Raggio è andata in scena la storia. La storia del cinema e la storia con la “s” maiuscola.  La quarta serata del festival di cortometraggio, che ormai da undici anni l’Associazione Concorto organizza con sempre maggiore successo di pubblico e consenso degli addetti ai lavori, ha avuto come protagonista Sergej M. Ejzenštejn e il suo capolavoro: “La corazzata Potëmkin”. Una serata magica con le stelle a fare da sceneggiatura al cinema e alla musica.

«Questa sera – ha sottolineato Gianluca Sgambuzzi – è una conferma. La conferma di una collaborazione con il Piacenza Jazz Club nata lo scorso anno come esperimento e rinnovata oggi con la proiezione dell’opera di Ejzenštejn». Prima di lasciare la parola agli strumenti di Luca Mezzadri (batteria) Gianni Azzali (saxofoni e flauto), Erminio Cella (pianoforte e tastiere), Mauro Sereno (contrabbasso e basso elettrico) e alle immagini della Corazzata, Sgambuzzi ha chiamato sul palco Gianni D’Amo che ha inquadrato storicamente e cinematograficamente il lungometraggio «di un Ejzenštejn appena 27enne che ha avuto questo incarico nel 1925 dal Governo in occasione del ventennale dei moti rivoluzionari russi».

Un breve passaggio sul quadro storico che ha tenuto a battesimo l’opera – «Siamo nel periodo in cui nel vocabolario russo entrano le parole Duma e Soviet, un passo politico significativo» – e poi via verso quell’obiettivo «di riqualificazione post fantozziana» che ha accomunato tanti critici cinematografici. «Uno di questi – ha sottolineato D’Amo – recita: della Corazzata è svaporato il messaggio, ne resta la formidabile efficacia del montaggio». Un film rivoluzionario perché parla della rivoluzione o per la sua forma cinematografica? Si è domandato D’Amo, girando il quesito al pubblico. «Una forma innovativa che non aveva precedenti nella storia del cinema – ha aggiunto prima di sentenziare – Per me è rivoluzionario per entrambi questi motivi. La corazzata Potëmkin è un film innovativo costruito su quella dimensione classica su cui Ejzenštejn tornerà in maturità. Una griglia in cinque atti entro cui si libera una grande espressione creativa d’innovazione».

Secondo Gianno D’Amo, però, quello cinematografico non è la sola eccellenza di Ejzenštejn ne La corazzata Potëmkin. «Alla stregua di Gramsci e György Lukács, Ejzenštejn è un pensatore che va oltre il tempo. Profondamente convinto che l’uomo possa cambiare il mondo e lo possa fare in tempi brevi, Ejzenštejn riflette sui motivi storici e politici che non hanno permesso questo cambiamento. Tutto questo lo troviamo nella filmografia di Ejzenštejn in cui la costante è una netta separazione tra la ragione e il torto. Oggi abbiamo perso l’innocenza di saper distinguere il giusto dallo sbagliato, ma questo non ci esime dall’impegno a scegliere giornalmente la giusta via».

La serata ha inoltre visto la premiazione di Elena Pedrezzoli, produttore di Einspruch VI, il cortometraggio dell’autore svizzero Rolando Colla, con il riconoscimento del pubblico. A consegnare il riconoscimento una delle anime del festival, Roberto Modenesi.  Premio del pubblico anche per Odysseus Gambit di Alex Lora, per la sezione Doczone. Un immigrato cambogiano insegna gli scacchi ai passanti in cambio di qualche dollaro nel cuore della Grande Mela con la speranza di migliorare la sua qualità di vita di senzatetto.

Secondo premio a Chase del francese Adriaan Lokman, terzo classificato il commovente Christine della regista belga Isabelle Schapira. Ritrovato il figlio scappato di casa, Christine capisce che non potrà convincerlo a tornare a casa con lei e con un gesto di estremo amore lo lascia andare

Il programma di stasera (inizio ore 21)

A fábrica, Alysson Muritiba, BRA, 2011, 15’ (sezione World Stories)

Hurdy Gurdy, Daniel Seideneder, GER, 2011, 3’ (sezione Concortissimo)
L’equip petit, Roger Gõmez – Dani Resines, ESP, 2011, 9’ (sezione Doczone- Documentari)
La casa dei trenta rumori, Diego Monfredini, 2011, ITA, 8’ (sezione Storie – Fiction italiana)
 
Presentazione dei video realizzati dagli studenti del laboratorio MICROLAB
 
Belly, Julia Pott, UK, 2011, 7’ (sezione Cortografia – Animazione e cartoni)
Shirin, Stephen Fingleton, UK, 2011, 13’ (sezione World Stories)
Ovos de dinossauro na sala de estar, Rafael Urban, BRA, 2011, 12’ (sezione Esplosa – Cinema sperimentale)
Olifantenvoeten, Dan Geesin, NL, 2011, 13’ (sezione World Stories)
 
Presentazione del video a cura dell’Associazione Amici della Resistenza Piacentina
 
E Berta filava, Mattia Petullà, 2012, ITA, 16’ (sezione Storie – Fiction italiana)
The centrifuge Brain Project, Till Nowak, GER, 2011, 7’ (sezione Esplosa – Cinema sperimentale)
Le nid, Tornike Bziava, GEO/FRA, 2011, 19’ (sezione Esplosa – Cinema sperimentale)
 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.