Quantcast

A piedi da Francoforte a Chiavari. Il viaggio di Nick, Swen e dell’asino Thomas

Da un nostro lettore, Roberto Alessandrini, il racconto di un incontro davvero particolare

Più informazioni su

Da un nostro lettore, Roberto Alessandrini, il racconto di un incontro davvero particolare

Tornando a casa dal lavoro oggi, ho visto tre strani personaggi che stavano percorrendo la ciclabile verso Gossolengo,  sotto il sole a picco delle due. Erano due giovani, evidentemente stranieri, e un piccolo asinello carico di borse e bagagli. Sono corso a casa, ho fatto due panini velocemente, ho preso delle bibite per i ragazzi e dell’acqua per l’asino.

Son tornato indietro e li ho ritrovati oramai in Gossolengo. Li ho rifocillati e ho parlato un po’ con loro. In inglese prevalentemente, ma anche con qualche parola di italiano, mi spiegano che son partiti circa 40 giorni orsono da un paesino vicino a Francoforte. A piedi. L’asinello, Thomas il suo nome, è della fattoria di un loro compagno di scuola. La meta è Chiavari, dove pensano di arrivare tra 4 giorni.

Mi raccontano che hanno già percorso più di 1000 km, che Thomas è stato docile e carino con tutti, che hanno dormito dove capitava, prevalentemente in fattorie, mangiando quello che offriva la gente durante il cammino, perchè sono partiti con pochissimi soldi appena finita la scuola. A Chiavari troveranno il padre Nick con un van per ospitare l’asinello e torneranno tutti e tre in Germania.

Commento che è un modo originale di fare le vacanze, indubbiamente; loro sorridono, mi chiedono se sono un giornalista perchè ho chiesto loro se potevo fargli una foto, gli spiego che sono un ortopedico, allora mi mostrano le loro cicatrici. Mi chiedo come si orientino, loro intuiscono e mi mostrano il cellulare con gps che caricano grazie ad una batteria solare, sono organizzati. Si iscriveranno all’università l’anno prossimo, entrambi hanno scelto Fisica. E’ ora di riprendere il cammino, una stretta di mano a Swen e Nick, una coccola sul muso di Thomas, e un “good luck” per l’ultimo tratto di cammino di questi due ragazzi originali e coraggiosi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.