Quantcast

De Micheli, Reggi e il futuro del Pd, Dagospia parla anche di Piacenza

Dagospia si occupa (di striscio) anche di Piacenza. Niente Cafonal o Cafonalino, ma gossip politico incentrato su Enrico Letta e Matteo Renzi

Dagospia si occupa (di striscio) anche di Piacenza. Niente Cafonal o Cafonalino, ma gossip politico incentrato su Enrico Letta e Matteo Renzi. Quello che la ” risorsa informativa online a contenuto generalista che si occupa di retroscena, espressione di Roberto D’Agostino” riprende è l’arrivo a VeDrò, l’iniziativa politica curata da Letta, del sindaco di Firenze alla ricerca a quanto pare di un appoggio del vice segretario del Pd in occasione delle primarie. (leggi qui)

Una mossa motivata da affinità rintracciabili anche nella composizione dello staff: a fianco di Renzi ora c’è Roberto Reggi, tra i primi sostenitori di Letta che gli avrebbe preferito, però, “come luogotenente in Emilia Romagna la tostissima Paola De Micheli”.

Intanto l’ex sindaco di Piacenza in un’intervista all’Ansa spiega il perché della sua scelta. “Matteo Renzi è più in sintonia con la gente per la possibilità di dire chiaramente quello che pensa”, anche se dice del segretario Pd Pierluigi Bersani che “ha pochi punti deboli, mentre ha molti punti forti. Ha saputo tenere la barra dritta del partito con tutte le sue

anime”. Non viene anticipato nulla rispetto al programma, un piano programmatico “a maglie larghe che sarà completato di volta in volta nel confronto con i cittadini e con gli amministratori locali nel lungo tour in 108 province”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.