Quantcast

I salumi piacentini Dop protagonisti sulla riviera romagnola foto

coppa, salame e pancetta che, unitamente ad altre eccellenze della nostra regione, sono stati particolarmente apprezzati dai numerosi visitatori che hanno affollato fino a tarda sera gli stand allestiti in Piazzale Colombo, nei pressi del porto

Più informazioni su

“TRAMONTO DiVino”, ovvero la manifestazione nata con l’intento di far conoscere i vini ed i prodotti tipici dell’Emilia- Romagna, ai milioni di turisti che ogni anno affollano la riviera romagnola, introducendoli in un “Mare di sapori”, ha avuto come protagonisti, nei giorni scorsi a PortoVerde (Misano), i salumi piacentini DOP: coppa piacentina, salame piacentino e pancetta piacentina che, unitamente ad altre eccellenze della nostra regione (prosciutto di Parma e Modena, Parmigiano reggiano, aceti balsamici, mortadella, olio extravergine delle colline romagnole e vongole), sono stati particolarmente apprezzati dai numerosi visitatori che hanno affollato fino a tarda sera gli stand allestiti in Piazzale Colombo, nei pressi del porto.

Per l’occasione, sono intervenuti il presidente del Consorzio salumi tipici Roberto Belli, con la segretaria Lorella Ferrari e la tecnologa alimentare Mara Gioia che ha illustrato, attraverso una specifica degustazione guidata, le peculiarità organolettiche dei tre DOP piacentini. Molto apprezzato anche il risotto mantecato alla coppa piacentina DOP ammannito dallo chef Sergio Ferrarini che è stato abbinato al Gutturnio, vino che è stato proposto in degustazione, unitamente all’Ortrugo ed ai vini della Regione dai sommellier Ais dell’Emilia e della Romagna.

Consenso dunque quasi scontato per le eccellenze piacentine, con una fantastica novità, annunciata da Belli: anche la nostra città, emblema dei gusti della pianura padana, diverrà, per due giorni un “Mare di sapori”, riportandola idealmente, per due sere, a quando le colline su cui sorge Castell’Arquato si modellarono sui sedimenti che si depositarono in un periodo di tempo che va da cinque a circa un milione e ottocentomila anni fa, in un braccio di mare che comunicava con l’odierno Adriatico. Questa grande insenatura che occupava più o meno l’attuale pianura Padana, fu l’habitat naturale per molluschi, granchi, coralli ma anche grandi cetacei.

Alla Faggiola di Gariga,  il 22 ed il 23 settembre, il mare tornerà dunque con i sapidi sapori di cozze e vongole e del pesce azzurro; sarà proposta anche una mostra per i più piccoli alla “scoperta del mare perduto”; per tutti i visitatori, laboratori didattici per la valorizzazione della pescicoltura e didattica sulle caratteristiche nutrizionali dei prodotti ittici.

La Faggiola sarà per l’occasione teatro anche di incontri, non solo eno-gastronomici, ma anche culturali (le prospettive dei prodotti di eccellenza della regione in vista di Expo 2015, presentazione della 6° edizione della Coppa d’Oro), di concerti e, per non dimenticare il nostro attuale contesto agro-alimentare, la preparazione in diretta di una forma di grana padano DOP, ovviamente con il latte delle stalle piacentine.

Un programma per confermare l’essenziale importanza del territorio piacentino nel contesto di una Regione che può contare su una gamma di prodotti di qualità come poche in Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.