Quantcast

Picchia il figlio di 8 anni con un manico di scopa. Denunciata foto

Picchiava il figlio di otto anni con un manico di scopa rivestito di scotch. Un episodio, da quanto emerso solamente l’ultimo di una lunga serie, che ha portato alla denuncia di una donna di 38 anni di origine cinese. Lesioni e percosse ai danni di minori: sono 30 gli episodi denunciati a Piacenza dall’inizio del 2011

Picchiava il figlio di otto anni con un manico di scopa rivestito di scotch. Un episodio, da quanto emerso solamente l’ultimo di una lunga serie, che ha portato alla denuncia di una donna di 38 anni di origine cinese. Per lei le accuse sono di maltrattamenti in famiglia e lesioni.

Sono stati alcuni residenti del condominio di via Colombo dove il nucleo familiare risiede a richiedere l’intervento della polizia nel primo pomeriggio di domenica, dopo aver visto la donna malmenare il piccolo dopo una discussione avvenuta in cortile. Il bimbo è fuggito sulle scale rientrando a casa e rifugiandosi sul balcone dove le violenze sarebbero proseguite. All’arrivo delle volanti la madre stava schiaffeggiando il bambino, dopo che il bastone utilizzato in un primo momento si era rotto (nelle foto).

Davanti agli agenti è stata colta da una crisi isterica a seguito della quale è stato necessario il suo ricovero all’ospedale di Piacenza, dove è stato condotto anche il piccolo. I medici hanno riscontrato varie ferite in particolare sulle braccia e sulla spalla destra, giudicate guaribili in sette giorni, insieme ad altre lesioni riconducibili a percosse subite in passato.

Secondo quanto emerso dalle testimonianze raccolte, non era infatti la prima volta che il bambino veniva picchiato con violenza dalla madre, alla quale non piaceva che il figlio giocasse con gli altri bambini del condominio. Sembra che durante il giorno il piccolo venisse lasciato solo in casa mentre i genitori lavoravano nell’esercizio commerciale che gestiscono in città: ora si trova in una struttura protetta.

Lesioni e percosse ai danni di minorenni: sono trenta gli episodi denunciati in tutta la Provincia tra l’inizio del 2011 ad oggi. “Si tratta di reati odiosi e non tollerabili oltretutto commessi ai danni di soggetti deboli non in grado di difendersi – ha sottolineato il dirigente delle volanti Filippo Sordi Arcelli – l’unico modo per permettere di intervenire tempestivamente è quello di denunciare alle forze dell’ordine questo tipo di episodi”.

Watch live streaming video from cpilive at livestream.com

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.