Quantcast

Ubriachi alla guida, estate record: 55 denunciati “Prevenzione essenziale” foto

55 persone sorprese ubriache al volante solamente negli ultimi tre mesi. 32 quelle multate per ubriachezza molesta. Sono dati significativi quelli forniti dalla polizia, impegnata al pari delle altre forze dell’ordine in una quotidiana attività di prevenzione sul territorio

Più informazioni su

55 persone sorprese ubriache al volante solamente negli ultimi tre mesi, ben oltre un conducente ogni due giorni. Sono dati significativi quelli forniti dalla polizia, impegnata al pari delle altre forze dell’ordine in una quotidiana attività di prevenzione sul territorio. Un fenomeno, quello dell’abuso di alcol, trasversale e sempre più diffuso, spesso foriero di comportamenti pericolosi per sè e per gli altri. E non solo sulla strada: “Sempre più di frequente – spiega il dirigente delle volanti Filippo Sordi Arcelli – siamo impegnati in interventi di soccorso nei confronti di persone ubriache, molto spesso aggressive o particolarmente agitate proprio a seguito dell’assunzione di sostanze alcoliche”. Come quanto accaduto questa notte, quando gli agenti sono dovuti intervenire chiamati dal personale addetto alla sicurezza di una discoteca cittadina per un 22enne particolarmente molesto. Il giovane portato in questura, ha dato in escandescenze mettendosi poi ad urinare all’interno della sala nella quale era stato condotto.

Sempre le volanti pochi giorni fa avevano salvato uno straniero svenuto a causa dell’alcol che rischiava di rimanere soffocato dal suo stesso vomito. Interventi impegnativi anche in termini temporali, se si considera che tra le pratiche per l’identificazione e l’accompagnamento in ospedale si impiegano fino a due ore per ciascuna delle persone coinvolte, e divenuti ormai quotidiani. A testimoniarlo i dati relativi alle multe comminate per ubriachezza molesta, 32 da giugno ad oggi, 14 delle quali solamente in questo mese di agosto.

“E’ fondamentale riuscire a sensibilizzare soprattutto i ragazzi più giovani, che sempre più spesso alla ricerca dello “sballo” abusano di queste sostanze – sottolinea Sordi -. Abuso che può causare danni non solo a loro stessi ma anche ad altri e sfociare in azioni di natura penale”. Proprio come successo al 25enne piacentino che all’inizio di agosto, per evitare un controllo della polizia a causa del suo stato di ebbrezza, ingaggiò con le volanti un folle inseguimento per le vie della città sul filo dei 150 chilometri orari con il risultato di finire in manette.

“Lo sforzo di tutte le forze dell’ordine in questo senso è massimo, insieme a quello messo in campo dalle istituzioni che stanno ponendo in essere tutte le misure possibili per prevenire il fenomeno. “Non si tratta -conclude Sordi – di attività vessatoria nei confronti della popolazione ma di azioni messe in campo per la salvaguardia di tutti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.