Valle Bergaiasca foto

Lungo il crinale Trebbia-Perino si sviluppa un’ampia area rocciosa caratterizzata da affioramenti ofiolitici

Più informazioni su

Lungo il crinale Trebbia-Perino si sviluppa un’ampia area rocciosa caratterizzata da affioramenti ofiolitici (cosiddetti perchè il loro colore ricorda quello della pelle di un serpente, in greco “ofis”), enormi blocchi di rocce eruttive dal caratteristico colore nero-verdastro, formatesi nel profondo dell’antico oceano Ligure Piemontese, ora scomparso, e trasferite dal luogo dove si erano formate fino in superficie dai processi geologici responsabili della formazione degli Appennini.

Questa dorsale presenta un discreto numero di cime montuose, disposte con orientamento nord-sud: il primo rilievo è costituito dal m. Belvedere (m. 1052), quindi il m. Gonio (m. 1127) e ancora il Poggio Alto (m. 1237) magnifico punto di osservazione panoramica; parallelamente a questa catena montuosa si svolge, più in basso verso la valle del torrente, il costone del monte Mangiapane (m. 1076).

Tra le due catene, e parallela ad esse, si trova una piccola valle “sospesa”, scavata dal rio Verbucone a mezza altezza tra il crinale e il fondovalle principale: è la Valle Bergaiasca. Appartata e solitaria, stretta tra pareti rocciose incombenti e pietraie, è senza dubbio una delle zone più selvagge ed affascinanti del nostro territorio. Attraversarla significa entrare in un ambiente in cui la natura primeggia, suggestiva, imponente ed assolutamente incontaminata. Percorrerla significa camminare, a pochi chilometri in linea d’aria dalla trafficata Val Trebbia, in un’atmosfera ovattata, passo dopo passo, dove gli unici suoni sono quelli degli uccelli ed i colori sono quelli della rigogliosa vegetazione, rigenerando il corpo e la mente.

Un’ulteriore curiosità è costituita poi dall’esistenza, a breve distanza dal percorso, di una vecchia miniera di amianto abbandonata, di cui si vedono l’imbocco e i muretti a secco messi in opera per rendere accessibile il posto, in suggestiva posizione lungo il declivio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.